A Castelpoto la Festa delle Oasi e Riserve LIPU

9:14:42 407 stampa questo articolo
Festa delle oasi e riserve LIPUFesta delle oasi e riserve LIPU

Appuntamento domenica 22 aprile a Castelpoto con la Festa delle Oasi e Riserve LIPU.

Anche quest'anno la Sezione LIPU di Benevento organizza la Festa delle Oasi e Riserve LIPU che si svolgerà nel territorio comunale di Castelpoto.

La Festa delle Oasi e Riserve LIPU è un'iniziativa che la sede centrale dell'Associazione organizza a livello nazionale annualmente, a Benevento rientra anche tra le attività di sensibilizzazione ambientale e valorizzazione del territorio svolta dalla LIPU all'interno della collaborazione con la Provincia di Benevento per la gestione dell'Oasi di protezione "Zone Umide Beneventane". 

L'evento rientra anche nel progetto "L'Oasi delle opportunità - Progetto di valorizzazione dell'Oasi Zone Umide Beneventane", realizzato dalla Lipu e finanziato nell'ambito del Piano Azione Coesione "Giovani no profit" dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Programma
ore 10.00 — Accoglienza presso il Centro Sociale comunale di Castelpoto dove sarà possibile visitare la Mostra fotografica Fauna, flora e paesaggi dell'Oasi di protezione "Zone Umide Beneventane" e assistere alla proiezione di filmati e immagini sulla naturalità dell'oasi. 

ore 11.00 — Escursione a piedi da Castelpoto al torrente lenga, affluente del fiume Calore, con caccia al tesoro fotografica. Pranzo al sacco sulle rive del torrente lenga poi laboratorio di Stone balance e Pebble art per bambini e ragazzi. Durata complessiva escursione (circa 1 ora) con pranzo a sacco e attività proposte 4 ore circa. 

ore 16.00 — Visita al centro storico di Castelpoto con laboratorio "Teatro dei luoghi" per ragazzi Per informazioni telefonare al 338 2036978 oppure al 331 2723395 

In serata chi vorrà potrà rimanere a Castelpoto per la Sagra della salsiccia rossa, squisito insaccato dalla laboriosa e complessa lavorazione con stagionatura naturale, che costituisce uno dei 289 Presidi italiani di Slow Food, creato proprio nell'intento di sostenere questa piccola produzione locale e valorizzare il territorio attraverso il recupero di antichi mestieri dalle tecniche di lavorazione e pratiche di allevamento tradizionali. 



Articolo di Volontariato / Commenti