ASL: "Nessuna soppressione di unita' operativa a Cautano"

18:49:27 1220 stampa questo articolo
Asl BeneventoAsl Benevento

L'Azienda Sanitaria Locale smentisce anche una presunta riduzione dell'assistenza domiciliare offerta ai cittadini. 

Negli ultimi giorni sono state diffuse a mezzo stampa notizie prive di ogni fondamento, motivo di preoccupazione tra i cittadini, in particolare presso il Distretto di San Giorgio del Sannio. La Direzione dell’Asl di Benevento smentisce qualsiasi notizia relativa alla soppressione di Unità Operative presso il presidio di Cautano o di un suo imminente trasferimento presso la struttura di San Giorgio del Sannio. La Direzione del Distretto conferma che le prestazioni erogate presso le sedi Distrettuali di Cautano e Torrecuso non subiranno alcuna interruzione, dimensionamento o soppressione.

“Con nota del 9 marzo scorso - dichiara il direttore sanitario Vincenzo D’Alterio- ho chiesto chiarimenti al Direttore del Distretto di competenza, circa la fondatezza di una comunicazione ricevuta dal sindaco di Cautano allarmato per la interruzione dei servizi sanitari offerti sul suo territorio. Ho ottenuto ampia rassicurazione sul normale funzionamento delle attività assistenziali che non si intende in alcun modo né sopprimere né ridurre”.
“Altra notizia infondata pubblicata in data odierna sulla stampa locale – ha aggiunto D’Alterio – riguarda una presunta riduzione dell’assistenza domiciliare offerta ai cittadini. Non è dato conoscere le fonti di tali notizie, il cui unico scopo appare la delegittimazione della sanità pubblica. L’Azienda Sanitaria lavora quotidianamente garantendo i massimi livelli di efficacia dei servizi offerti ed efficienza delle risorse nel rispetto del principio dell’appropriatezza assistenziale. Il management è impegnato nell’attuazione delle disposizioni ministeriali e regionali in sinergia con i Direttori dei Distretti Sanitari, veri protagonisti del processo finalizzato a rendere l’offerta sanitaria quanto più vicina ai cittadini evitando sprechi che inciderebbero negativamente sulla qualità dei servizi”.

Con l’occasione si ricorda che al fine di avvicinare i cittadini alle prestazioni della Asl, è stata perfezionata l’intesa con le farmacie della provincia, presso le quali dal 1° marzo è possibile effettuare prenotazioni ed il relativo pagamento ticket.



Articolo di Sanità / Commenti