BCT Festival, reso noto il programma: da Liga a Piovani, da Siani a De Sica con De Luigi e Sandrelli

15:21:18 2671 stampa questo articolo
Presentazione BCTPresentazione BCT

50 eventi nei sei giorni di Festival, 3 eventi teatrali in chiave cinematografica in anteprima nazionale, 150 opere, tra lungometraggi e cortometraggi in concorso e il concerto di Nicola Piovani.

È stata presentata ieri sera, all’Arco del Sacramento, la seconda edizione del Festival Nazionale del Cinema e della Televisione - Città di Benevento, il primo evento in Italia ad unire in una sola manifestazione il mondo del piccolo e grande schermo attraverso eventi, incontri, interviste, spettacoli, concerti, concorsi, masterclass, proiezioni e dibattiti aperti al pubblico.

La Kermesse si svolgerà nel capoluogo sannita, dal 4 al 9 luglio, che accoglierà: Luciano Ligabue, Nicola Piovani, Stefania Sandrelli, Alessandro Siani, Christian De Sica, Fabio De Luigi, Alessandro Borghi, Marco D’Amore, Serena Autieri, Maurizio Casagrande, Ricky Memphis, Serena Rossi, Riccardo Scamarcio, Barbara D’Urso, Sabrina Nobile, Damiano Carrara, Simona Ventura, Andrea Delogu, Anna Foglietta, Ricky Tognazzi, Fulvio e Federica Lucisano, Euridice Axen, Nicola Giuliano, Matilde Gioli, Luciano Stella, Tomas Arana, Michael Radford, Biagio Izzo, Simona Tabasco, Bianca Nappi, Edy Angelillo, Federico Angelucci, Marc Parejo, Jose Gabriel Campos, Enrique del Pozo, Maribell Ripoll, Gesualdo Vercio, Nunzia Schiano, Roberto Pisoni, I Foja, Valeria Altobelli, I Casa Surace, Valerio Caprara e tanti altri..

Un cast di prim’ordine, dunque, per questa seconda edizione del BCT Festival realizzato dall’Associazione Culturale “Visivamente” con la collaborazione e partecipazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Cinema, Regione Campania (con il sostegno dei fondi per l’audiovisivo e il cinema), Istituto Luce, SIAE (il Festival rientra tra gli eventi culturali promossi dalla Siae sul territorio italiano), Camera di Commercio di Benevento, Università degli Studi del Sannio e con la collaborazione del Comune di Benevento Il Festival è realizzato con la media partnership di Discovery Italia e della Rai, con Rai Movie. Anche per quest’anno, la direzione artistica è stata affidata ad Antonio Frascadore, mentre il BCT è, inoltre, realizzato in collaborazione con l’Italian International Film e Indigo Film.

La kermesse, nei cinque giorni di manifestazione, coprirà tutto il centro storico della città, con più di 50 eventi nei sei giorni del Festival, 3 eventi teatrali in chiave cinematografica in anteprima nazionale, 150 opere, tra lungometraggi e cortometraggi in concorso e il concerto di chiusura del Festival previsto il 9 luglio all’interno del Teatro Romano della città di Benevento, diretto dal Premio Oscar, Nicola Piovani. Concorsi, destinati ai lungometraggi indipendenti e ai lungometraggi riconosciuti di interesse culturale dal Mibact, diretti dal produttore cinematografico, premio Oscar per il film “La Grande Bellezza”, Nicola Giuliano.

Nel corso dell’edizione 2017 furono oltre sessanta gli ospiti presenti che fece registrare la presenza di oltre 100.000 persone provenienti da ogni parte d’Italia. Tra gli ospiti della prima edizione: Toni Servillo, Paolo Ruffini, Salvatore Esposito, Fortunato Cerlino, Cristina Donadio, Lino Banfi, Paolo Calabresi, Stefano Fresi, Jasmine Trinca, Edoardo Leo, Enrico Vanzina, Piera degli Esposti ed il compianto Fabrizio Frizzi.

“Il Festival Nazionale del Cinema e della Televisione – ha dichiarato Frascadore – rappresenta un evento unico nel suo genere. Qualcosa di diverso rispetto alle numerose manifestazioni cinematografiche presenti nel nostro Paese, mescolando il mondo del piccolo e grande schermo in un solo Festival e trattandoli nelle forme più svariate possibili. Non posso che ritenermi orgoglioso dell’appoggio delle istituzioni che hanno deciso di affiancarci da subito. Non posso che ritenermi soddisfatto di quanto fatto in appena due anni. Entusiasta di aprire il Festival 2018 con la presenza di Luciano Ligabue, che rappresenta, a mio avviso, uno degli artisti più straordinari del panorama culturale italiano, in grado di rendere magico ogni settore toccato, dalla musica alla letteratura fino, appunto, al cinema. Felice di salutare questa edizione con il premio Oscar Nicola Piovani che illuminerà la città con un concerto unico nella splendida arena del Teatro Romano di Benevento. E poi, tra Ligabue e Piovani, attori, registi, conduttori televisivi, giornalisti, produttori cinematografici, uomini e donne di cinema e televisione che rappresentano alcuni tra i più importanti rappresentanti nel panorama cinematografico e televisivo italiano e internazionale. Un’ occasione unica, per il pubblico, che in sei giorni potrà decidere di assistere tra oltre 150 opere da vedere, più di 50 eventi a cui partecipare, anteprime teatrali nazionali da respirare, vivendo da vicino ciò che un territorio come quello sannita fin ora ha solo potuto immaginare. Uno dei motivi principali che ha infatti determinato la nascita di questo Festival è proprio l’aspetto territoriale oltre all’unicità del progetto. Benevento è teatro di tradizioni e cultura che mescolate alla magia del cinema e della TV la rendono magica per sei giorni. Il Cinema e la Televisione rappresentano, infatti, senza dubbio, le forme di cultura che raccontano un Paese e chi lo vive e un Festival come il BCT costituisce il momento di aggregazione tra le varie forme di arte che vanno vissute e valorizzate in ogni singolo aspetto”.

Soddisfatto anche Oberdan Picucci, assessore alla Cultura del Comune di Benevento intervenuto alla presentazione insieme al sindaco Clemente Mastella: “Il BCT è una di quelle iniziative segue la di Città Spettacolo e del Premio Strega con l’obiettivo di ravvivare, nel periodo estivo, la nostra città. Saranno tante le location utilizzate durante la rassegna per valorizzare quello che è il nostro patrimonio con una manifestazione di prestigio”.

“Nel panorama dei tanti festival – ha dichiarato il primo cittadino – questo trova una confluenza mescolando il cinema e la televisione e ne viene fuori una bella miscela”.



Articolo di Cinema / Commenti