Blitz dei militanti di Forza Nuova. Affissi cartelli con scritto "Venduti" sotto le sedi del PD

11:30:45 1095 stampa questo articolo
Cartelli Forza NuovaCartelli Forza Nuova

Blitz nazionale di Forza Nuova contro le sedi del Partito Democratico. Le azioni del gruppo di estrema destra si sono svolte anche nel Sannio.

I militanti di Forza Nuova nelle scorse ore, in tutta Italia, sono stati impegnati nell'affissione di cartelli sul modello del classico “vendesi” riportanti il messaggio: "venduti: a Soros, De Denedetti e ad ogni nemico della Patria". Cartelli poi affissi anche nel Sannio dinanzi le sedi del Partito Democratico di Benevento e San Leucio del Sannio. (ad inviare le foto sono stati, a corredo di un comunicato stampa, gli stessi militanti di Forza Nuova).

"La nostra azione – ha spiegato Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova – esprime senza mezzi termini la ferma condanna dell’operato del principale partito di governo, colpevole di aver compiuto passi avanti determinanti nella consegna dell’Italia a quei poteri forti che travalicano gli interessi del nostro popolo. Gli ultimi capitoli della saga dell'accoglienza lo hanno ampiamente dimostrato: l'intento di destabilizzare l’Italia, messo in atto da personaggi come Soros, trova proprio in questo PD - e nel suo primo tesserato De Benedetti, vero Soros italiano, ma con residenza svizzera - il primo attore protagonista, grazie al supporto costante che il suo governo dà alle navi ‘negriere’ gestite dalle ONG. Per tale motivo, paradossalmente, il messaggio europeo di non voler cedere all’ormai nota richiesta italiana di una maggiore ed esclusiva accoglienza, andrebbe cavalcato proprio dalle forze rivoluzionarie anti-sistema, come Forza Nuova."

"Se già – ha proseguito Fiore – l'Italia a guida Renzi era priva di credibilità, ora con il prestanome Gentiloni è stato superato il limite del ridicolo: assistiamo ad un ex presidente del consiglio che, dopo aver strenuamente sostenuto l'invasione e la legge sullo Ius Soli, tenta una rocambolesca marcia indietro in salsa (quasi) forzanovista, azzardando un ipotetico numero chiuso sui nuovi ingressi di clandestini, quasi a voler correggere il tiro dopo le rivelazioni della Bonino e del ministro Mauro, ma, di fatto, facendo da suggeritore non sincronizzato all’attuale Governo”.

"Ma come ultima arma di distrazione di massa – ha concluso – forse suggerita dai veri padroni d’Italia che attacchiamo attraverso il PD, ecco la proposta di legge a marchio Fiano, sempre utile per rimettere un’inesistente ‘trama nera’ al centro dell'attenzione, spostandola così dalle vere trame ordite da autentici traditori della Patria a danno di tutti gli italiani, trame su cui non smetteremo di vigilare e denunciare, come fatto proprio contro Soros recentemente".



Articolo di Partiti e associazioni / Commenti