Citta' Europea del Vino. Il Sannio a Bruxelles: venerdi' a Parigi la proclamazione | FOTO

19:51:59 6872 stampa questo articolo
Sannio, vino a Bruxelles Sannio, vino a Bruxelles

Venerdì a Parigi, ore 15.30, il Sannio dovrebbe essere proclamato capitale del vino per il 2019.

Giornata importante per la delegazione sannita che questo pomeriggio era al Parlamento Europeo a Bruxelles(la riunione è terminata da pochi minuti), per discutere della candidatura a Città Europea del Vino 2019 del territorio ‘Sannio Falanghina’ avanzata dai Comuni di Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso. Alla Commissione, convocata da Recevin, è stato esposto il piano adottato dai Comuni per la candidatura con oltre 186 eventi di promozione sul vino. Venerdì, invece, appuntamento a Parigi dove molto probabilmente il Sannio riceverà la proclamazione  del territorio a Città Europea del Vino 2019.

Un riconoscimento importante per territori vitati del Sannio che da soli, costituiscono circa la metà della produzione vitivinicola campana(il 40%) con etichette Doc ed Igp. A ciò va associato anche la qualità della produzione, il clima, il territorio sul quale sono distribuite le oltre 11.000 aziende dedicate alla coltivazione della vite ed i diecimila ettari di superficie vitata. Presenti, inoltre, oltre cento imprese di trasformazione.

“Siamo emozionati – ha scritto Carmine Valentino sindaco di Sant’Agata de’ Goti sui social – non potrebbe essere altrimenti. Tra poco avrà inizio la seduta presso la sede del Parlamento Europeo nel corso della quale sarà discussa la candidatura del Comune Sant'Agata de'Goti insieme ai comuni di Guardia Sanframondi, Torrecuso, Solopaca e Castelvenere a Capitale Europea del Vino 2019. Unica candidatura italiana. Tutto il Sannio è candidato in questa opportunità unica per la nostra Terra”.

“È stato un momento importante – ha dichiarato Floriano Panza sindaco di Guardia Sanframondi a IlQuaderno.it – erano presenti tanti parlamentari europei ed il video che abbiamo preparato ha spopolato. L’evento durerà un anno intero e credo che mai, ci sia stato un appuntamento internazionale così importante e così duraturo sul territorio. In Italia siamo i terzi dopo Marsala e le Terre del Prosecco. Un evento, che sarà rilevante anche sul piano economico perchè incrementerà il turismo, il valore uva e del vino. Inoltre ci collegheremo con Matera capitale Europea della Cultura 2019 e la Reggia Caserta così da formulare uno scenario comunicativo unico”. 

M.P.



Articolo di Attualità / Commenti