Cyberspionaggio. Massone, ossessivo e monastico: "Ecco chi era lo spione dei politici"

Il direttore del servizio di polizia postale Roberto Di Legami analizza la figura di Giulio Occhionero, l'ingegnere italiano arrestato con l'accusa di aver violato gli account di posta elettronica di importanti personaggi della politica, dell'economia e non solo per raccogliere informazioni riservate.

"Giulio Occhionero è un informatico molto competente. Tra l'altro è stato il più giovane ingegnere nucleare laureato in Italia. Conduceva una vita assolutamente monastica, aveva un'attenzione ossessiva per le informazioni e per lungo tempo è stato maestro venerabile di una loggia massonica", ha spiegato Di Legami. In serata, intanto, il capo della polizia ha deciso la rimozione di Roberto Di Legami, direttore della polizia postale che ha condotto l'inchiesta sul cyberspionaggio, perchè, secondo le indiscrezioni, non ha informato dell'inchiesta Gabrielli.

Video di Francesco Giovannetti


8:52:53 1130 stampa questo articolo



Servizi