Degrado, Peda': "Aiuole adottate e abbandonate"

19:13:35 1032 stampa questo articolo
Degrado aiuoleDegrado aiuole

“Ho constatato di persona o attraverso la segnalazione di cittadini lo stato di degrado di gran parte delle aiuole adottate”.

“Oggi in Commissione Ambiente ho sollecitato l’Amministrazione, rappresentata dal delegato Angelo Feleppa, ad azioni più incisive nei confronti di tutti i soggetti privati che hanno preso in adozione un’aiuola”.

A dirlo in una nota è Pina Pedà consigliere comunale di Benevento ed esponente del Gruppo Misto a Palazzo Mosti che è intervenuta sul tema del verde pubblico in città.

“Come noto – ha aggiunto – nel 2007 l’Amministrazione varò un’iniziativa denominata ‘Adotta un’aiuola’, che individuava 27 aree da dare in gestione per una estensione complessiva di circa 70 mila metri quadrati. Nel 2013 si apportò una modifica all’art. 7 del ‘Regolamento’ che consentiva ai commercianti di ‘adottare’ uno spazio verde, avendone in cambio la possibilità di utilizzarne una parte. Tale modifica è stata abrogata con un intervento dell’attuale Amministrazione che, nel 2017, ha ulteriormente modificato l’art. 7 attraverso l’abolizione della possibilità di installare arredi nelle suddette aree a verde e nelle aiuole”.

E continua: “Ciò che ho constatato di persona o attraverso la segnalazione di cittadini è lo stato di degrado di gran parte delle aiuole adottate che, invece, dovrebbero essere un fiore all’occhiello e un biglietto da visita per la città, collocate spesso in posizioni strategiche. Non mi pare giusto che si usufruisca di uno spazio ‘pubblicitario’ di grande valore senza rispettare gli impegni presi, come accade invece in ogni città d’Italia dove ci sono analoghe iniziative”.

Poi conclude: “Il presidente della Commissione Ambiente, Anna Orlando, ha pianificato una serie di sopralluoghi per verificare lo stato dell’arte. Serviranno solo a confermare quanto scritto. Per questo chiedo che si intervenga tempestivamente per invitare i conduttori ad una manutenzione decorosa delle aiuole o a provvedere, come da Regolamento, alla revoca della concessione”.



Articolo di Ambiente / Commenti