E' morto il Nunzio Apostolico Luigi Barbarito

9:10:32 2140 stampa questo articolo
Luigi Barbarito, Nunzio ApostolicoLuigi Barbarito, Nunzio Apostolico

Uomo intelligente, Pastore vigile, attento, generoso, veramente innamorato della Chiesa che continua a servire con una passione squisitamente irpina e’ stato una vigorosa quercia irpina nel panorama ecclesiale.

Martedì 14 marzo alle 10.30 nella chiesa di Sant’Ippolisto in Atripalda si svolgerà la celebrazione funebre presieduta dall’Arcivescovo Mons. Angelo Becciu, Sostituto della Segreteria di Stato del Vaticano, e in questa stessa antichissima ed artistica chiesa che lo ha visto cristiano col santo Battesimo sarà inumato in attesa della resurrezione.

Nato 94 anni fa  ad Atripalda in provincia e diocesi di Avellino, ordinato sacerdote il 20 agosto 1944, assistente provinciale delle ACLI, del CIF, della FUCI e insegnante di religione in Avellino. Nel 1951 nominato ambasciatore della Santa Sede in Australia e in Oceania, nella segreteria di Stato in Vaticano e nella Nunziatura apostolica di Parigi. Eletto dal Beato Paolo VI Arcivescovo titolare di Fiorentino e nominato Nunzio Apostolico presso la Repubblica di Haiti e la Conferenza Episcopale delle Antille, e poi in Dakar e nei paesi francofoni dell'Africa occidentale, per poi passare alla Nunziatura di Canberra in
Australi ed infine a Londra. Mons. Barbarito ha operato incisivamente, sempre pronto a “cantare la bontà del Signore”.

Non ha mai avuto paura degli uomini. Ha sempre ed unicamente temuto, amato e servito Gesù Cristo a vantaggio della Chiesa universale come collaboratore del romano Pontefice. Un Pastore con orizzonti vasti e luminosi, un comunicatore schietto, chiaro, sincero e cordiale, pronto al sacrificio, sempre paziente e perseverante. L'Arcivescovo Barbarito si è fatto cantore delle bellezze della Terra Irpina, narratore entusiasta e testimone luminoso della religiosità popolare, del valore primario della famiglia e delle nobili tradizioni della terra d'origine: onore, onestà e coraggio senza mai arretrare di fronte alle sfide della vita. Uomo vero, dotto, solido, forte, vivo, titolare di una calda e amabile umanità. Ieri alle 2 del mattino, a 95 anni di età, amorevolmente assistito, si è spento in Pietradefusi, serenamente. 



Articolo di Necrologi / Commenti