Esordio amaro al Vigorito: 4 goal del Perugia eliminano il Benevento dalla Tim Cup

20:34:8 1925 stampa questo articolo
Benevento - Perugia TIM CUPBenevento - Perugia TIM CUP

Un buon Benevento nel primo tempo, forse troppo sprecone, cala nella ripresa e cede il passo al Perugia che rifila ben quattro reti ai sanniti che per tutto il secondo tempo hanno giocato in dieci. 

 

 


 



  Belec 
    Benevento Calcio Serie A

Letizia

Camporese
 
       Lucioni      


Di Chiara 

                     
                 Del Pinto
     



Cataldi


D'Alessandro

   
Ciciretti


Puscas


Coda

 
Cerri


Han


 
Terrani

 


Bandinelli

Brighi

Colombatto
 

Belmonte

Monaco


Volta

Zanon 
   
Rosati
  Perugia Serie A

Benevento e Perugia si sfidano al Ciro Vigorito per il terzo turno eliminatori di Tim Cup. Baroni si affida al 4-4-2, Giunti prova ad adattarsi allo schema scegliendo il 4-3-1-2. Il Benevento parte con i pronostici a favore, vista anche la differenza di categoria, ma il Perugia è avversario temibile da tenere costantemente a bada. Baroni in settimana era stato categorico: bisogna proseguire il cammino e vincere per passare il turno e sfidare una tra Frosinone e Udinese. Il Benevento parte forte cercando di premere sull'acceleratore ma i grifoni reggono l’urto, anche grazie ad almeno due interventi importanti di Rosati. Con il passare dei minuti però il Perugia è cresciuto, trova il vantaggio sul finire di frazione ed il raddoppio nel secondo tempo, giocato in 11 contro 10 dagli ospiti, di certo sull’economia della gara l’espulsione di Cataldi è pesata tantissimo. Il Benevento spreca, buono il primo tempo della truppa di Baroni, ma non riesce a trovare la via del goal. Il Perugia invece si scopre cinico e dilaga, conquistando il passaggio del turno.

Le scelte

Baroni
opta per il 4-4-2 e preferisce Belec al posto di Brignoli. Difesa praticamente fatta con Camporese e Lucioni centrali, non c’è Costa mentre per Djimsiti solo panchina, mentre sugli esterni spazio a Letizia e Di Chiara. A centrocampo Cataldi la spunta su Viola con Del Pinto chiamato a “fare legna” al suo fianco. Sulle corsie laterali invece spazio per D’Alessandro e Ciciretti. In attacco, non c’è Ceravolo e allora il tecnico toscano getta nella mischia Coda e Puscas.

 4-3-1-2 per Giunti che disegna un Perugia tutto sommato offensivo pronto a colpire in ripartenza. In porta va Rosati, difesa composta da Zanon e Belmonte esterni mentre Monaco e Volta vanno a comporre la coppia centrale. Terrani vince il ballottaggio con Bonaiuto e si posiziona tra le linee dietro al duo Cerri – Han e davanti ai tre centrocampisti che sono Bandinelli, Colombatto e Brighi.

La gara

Al 2’ minuto Benevento subito pericolo. Ciciretti apre il gioco per D’Alessandro, controllo dell’ex atalantino che salta il diretto marcatore si accentra e tenta il tiro, palla alta. La gara scorre via senza sussulti, tranne due disimpegni azzardati sia di Belec che di Rosati che però non creano pericoli ma solo apprensione. Al 12’ è poi Cataldi a provarci da calcio piazzato ma la mira è sballata. Al 13’ azione insistita del Benevento che sugli sviluppi di una ripartenza si fionda in area avversaria. Prima i sanniti chiedono un penalty per fallo su Ciciretti, per Nasca è tutto regolare, la palla resta viva ed è poi lo stesso Ciciretti a metterla al centro per Coda che trova il tempo giusto per lo stacco ma Rosati è attento e blocca.

Il Perugia si fa vivo dalle parti di Belec al 17’ con il nordcoreano Han ma la conclusione viene bloccata dall’estremo difensore di casa. Il Perugia ci prova nuovamente al 18’, con Cerri, ma la conclusione attraversa tutta l’area di rigore e si spegne sul fondo. Al 24’ bellissima azione in contropiede del Benevento con Ciciretti che lancia sulla destra Letizia, palla di ritorno, sterzata in area e cross al centro ma Puscas di testa non inquadra lo specchio.

Il Benevento quando accelera può far male. Tale circostanza viene confermata al 26’ quando Ciciretti, spostatosi a sinistra lancia D’Alessandro che crossa, palla a Coda che calcia di prima intenzione ma Rosati compie un autentico miracolo e alza la sfera in calcio d’angolo. Al 29’ il calcio piazzato battuto da Cataldi trova la testa di Puscas ma la palla si spegne di poco a lato. Il Benevento insiste ancora e al 30’ conquista un corner sul quale prova la conclusione Coda ma la palla finisce sull’esterno della rete.

Al 34’ brivido Perugia. Lungo lancio dalle retrovie a scavalcare il centrocampo, la palla giunge ad Han che calcia ma Belec blocca con in due tempi. La risposta del Benevento è veemente. Prima Coda perde l’attimo da due passi, poi Ciciretti tenta il tiro a giro dal limite ma Rosati dimostra di essere in grande spolvero e con un gran riflesso respinge l’insidiosa conclusione dell’attaccante romano. Non trova poi fortuna la bordata dalla lunga distanza di Cataldi che si spegne alta sulla traversa. Al 42’ il clamoroso vantaggio del Perugia. Camporese sbaglia il tempo dell’intervento su Han che poi apre per Zanon, il cross dell’ex Ternana trova pronto Cerri – probabile anche qualche responsabilità di Belec – che svetta di testa e porta i suoi in vantaggio. La gara per i sanniti, proprio sul finire di frazione, si complica ulteriormente perché Cataldi perde palla a centrocampo e recrimina un tocco falloso, per Nasca non è così e probabilmente per proteste mostra il rosso diretto al centrocampista giallorosso.

Pronti via ed il Benevento ci prova con Coda che addomestica un rilancio di Belec e si invola verso la porta di Rosati ma il diagonale si spegne di poco a lato. Nella ripresa non c’è Ciciretti che ha dovuto far posto a Viola anche in virtù dell’espulsione rimediata da Cataldi. La risposta degli umbri arriva al 49’ con Colombatto, palla che sibila vicinissimo al palo lungo della porta difesa da Belec.

Il Benevento tenta nonostante l’inferiorità numerica di giungere al pareggio ma gli umbri si chiudono con ordine. Al 61’ il neo entrato Buonaiuto (qui Giunti passa al 4-3-3) riceve palla da Han e calcia ma la conclusione è murata da Camorese. Passano 60 secondi e Zanon con un brutto intervento, gli costa il giallo, ferma l’azione di ripartenza dei giallorossi ma il pubblico di casa rumoreggia per una sanzione ritenuta “morbida”. Al 64’ il Perugia ci prova con una semirovesciata di Cerri in piena area ma Belec con riflesso superlativo salva tutto. Al 70’, poco prima il colpo di testa di Belmonte era finito sul fondo, i biancorossi trovano il raddoppio con il solito Cerri che si precipita a raccogliere una ribattuta di Belec su tiro in precedenza di Han.

Baroni cerca allora soluzioni: fuori Di Chiara e dentro Venuti ma arriva il tracollo dei padroni di casa. Infatti, al 74’ Belec esce in maniera ingenua e travolge Han, Nasca non ha dubbi: è calcio di rigore. Dagli 11 metri va ancora Cerri, il pipelet sannita intuisce ma non ci arriva, è il 3 a 0 del Perugia che di fatto conquista il passaggio al quarto turno di Tim Cup. Nel finale, all’86’ D’Alessandro calcia ma la conclusione si stampa sulla traversa. Il poker del Perugia arriva all’89’ con Emmanuello che capitalizza al massimo il cross di Pajac dalla destra. Bellissimo il finale con il pubblico del Vigorito che applaude, tutto insieme, gli uomini di Baroni nonostante la sconfitta. Ora, non resta che attendere l’avvio del campionato di serie A, il primo nella storia del Benevento, che esordirà al Marassi contro la Sampdoria.

Il tabellino

Benevento Calcio(4-4-2)
: Belec; Di Chiara(71’ Venuti), Camporese, Lucioni, Letizia; Ciciretti(46’ Viola), Del Pinto, Cataldi, D’Alessandro; Puscas(80’ Brignola), Coda. A disposizione: Piscitelli, Brignoli, Djimsiti, Gyamfi, Eramo, Volpicelli, Gravillon, Donnarumma. All. Baroni.

AC Perugia(4-3-1-2): Rosati; Zanon, Monaco, Volta, Belmonte; Colombatto, Brighi, Bandinelli(84’ Pajac); Terrani(50’ Buonaiuto); Cerri, Han(80’ Emmanuello). A disposizione: Santopadre, Elezaj, Dossena, Traore, Bianco, Choe. All. Giunti.

Arbitro: sig. Luigi Nasca di Bari.
Assistenti: sig. Vincenzo Soricaro di Barletta e sig. Vito Mastrodonato di Molfetta.
IV uomo: sig. Antonello Balice di Termoli.

Marcatori:42’ Cerri(P), 70’ Cerri(P), 74’ Cerri(P), 89’ Emmanuello(P).
Ammoniti: 28’ Volta(P), 57’ Zanon(P).
Espulsi: 44’ Cataldi(B) per proteste.
Angoli: 4 a 3 per il Benevento.
Fuorigioco: 4 a 2 per il Benevento.
Recupero: 1’pt, 2’st.

Michele Palmieri.

Notizia correlata

Baroni: "Non e' stata una serata positiva, ma gli errori ci devono servire"



Articolo di Serie A / Commenti