Festival Filosofico del Sannio, appuntamento in ricordo di Zygmunt Bauman

17:24:31 1636 stampa questo articolo
Zygmunt Bauman all'UnisannioZygmunt Bauman all'Unisannio

L’evento è organizzato dall’Associazione culturale filosofica “ Stregati da Sophia” e dall’Università degli Studi del Sannio.

Il 23 febbraio alle ore 15,00 presso il Teatro Massimo si terrà il quinto appuntamento del 4° Festival Filosofico del Sannio. “Ricordando Zygmunt Bauman. Una incancellabile presenza” sarà il tema centrale della tavola rotonda. Ad introdurre i lavori sarà la professoressa Carmela D’Aronzo nonchè presidente dell'associazione culturale filosofica ” Stregati da Sophia”. Il coordinamento è affidato a Remo Bodei, docente di Filosofia -University of California-Los Angeles. Parteciperanno Alexandra Kania, sociologa e moglie di Z.Bauman, Carlo Bordoni sociologo; Riccardo Mazzeo scrittore ,editor, traduttor. Le conclusioni saranno affidate a Filippo de Rossi, rettore dell’Università degli Studi del Sannio.

Seguirà alle ore 18,00 presso la Biblioteca Provinciale di Benevento l’inaugurazione della mostra fotografica “Zygmunt Bauman e il Festival Filosofico del Sannio “ realizzata dagli alunni del Liceo scientifico “G. Rummo” guidati dalla prof.ssa Teodolinda Cennamo (Docente di storia e filosofia). 

Zygmunt Bauman, uno dei più grandi protagonisti del Novecento, ha vissuto in prima persona i grandi avvenimenti del “secolo breve”, le affermazioni di nuove ideologie politiche, l’antisemitismo ed il passaggio dal capitalismo alla società dei consumi. Sociologo, filosofo ma principalmente umanista, ha posto al centro del suo pensiero l’uomo e la drammaticità del suo vivere nella società moderna, dove i sentimenti non vengono esaminati né compresi. Tutto scivola, tutto procede in modo veloce; il mondo in cui viviamo è dominato dai cambiamenti, dalla fragilità, dalla permeabilità, dalla mutevolezza. Una “società liquida”, vera metafora della società moderna.

Per il Festival filosofico del Sannio la sua presenza è diventata costante, ha partecipato alle prime due edizioni 2015,2016, e avrebbe dovuto partecipare anche alla terza edizione del 2017. Ricordi indelebili sia per la sua gentilezza e disponibilità, ma soprattutto per la sua umanità .Ed ecco la necessità di continuare ad approfondire il suo pensiero anche, attraverso le voci di persone che gli sono state particolarmente vicine, con le quali ha condiviso affetti familiari e momenti di forte amicizia.

 


 



Articolo di Persone / Commenti