Festival Filosofico del Sannio, tocca a Paolo Amodio con Nietzsche, Sloterdijk e l'edificio Verita'

13:4:10 1354 stampa questo articolo
Festival Filosofico del Sannio (foto di archivio)Festival Filosofico del Sannio (foto di archivio)

Continuano gli incontri promossi dall'Associazione "Stregati da Sophia" nell'ambito del terzo Festival Filosofico del Sannio. A relazionare sarà: Paolo Amodio. 

È in programma il prossimo 10 febbraio, alle ore 15,00 presso il Teatro Massimo di Benevento il terzo appuntamento del 3° Festival Filosofico del Sannio, organizzato dall’Associazione culturale filosofica “Stregati da Sophia”. La lectio magistralis sarà affidata a Paolo Amodio che relazionerà sul tema : “Nietzsche, Sloterdijk e l'edificio Verità”.

Nella lettura di Peter Sloterdijk, la filosofia di Nietzsche sarebbe una rivoluzionaria istanza metabiologica (lo stesso Nietzsche peraltro dichiara ne Il crepuscolo degli idoli che la décadence è questione “fisiologica”), che va a insediarsi, nella teoria della verità. Condizione e possibilità di attuazione della “vita” umana (non troppo umana, ma pur sempre verità). La verità nietzscheana, perciò, in prima istanza, sembrerebbe configurarsi a mo’ di un insieme: composizione di sistemi simbolici di illusioni condivise, vera e propria modalità contratta dall’umano in nome della vita contro le tensioni psicosociali distruttive del mondo.  E tuttavia, se catapultato nel meta-paradigma dell’Immunologia Generale proposto da Sloterdijk, il terremoto nietzscheano produrrebbe un secondo livello di verità – “secondo” non per grado ma per contagio.

Paolo Amodio è professore ordinario di Filosofia Morale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Federico II di Napoli - Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta”, dove peraltro ricopre anche l’insegnamento di Etica e Religione. La sua più che ventennale attività di ricerca, come testimoniano i suoi numerosi lavori, si è concentrata su diversi filoni: il pensiero filosofico ed etico-politico nella Napoli del Settecento nei suoi rapporti con il mondo intellettuale europeo; la storia del libertinismo, esplorata fondamentalmente nelle sue implicazioni antropologico-filosofiche; le conseguenze etico-politiche determinate dall’evento Auschwitz sulla filosofia del secondo Novecento; il nuovo pensiero ebraico nei suoi rapporti con la tradizione e le nuove prospettive etico-filosofiche; l’antropologia filosofica tra etica, scienza e filosofia; la bioetica, come questione epistemologica.

Ha fondato e dirige la rivista «S&F_scienzaefilosofia.it» Dirige le Collane “Cultura filosofica e Scienze Umane”, “Perimetri. Collana di strumenti per le scienze umane e sociali”. Ricopre molte incarichi all’interno di organizzazioni culturali , infatti, è membro: del Comitato di redazione della rivista «Logos»; del Consiglio Direttivo della rivista «Archivio di storia della cultura»; del Comitato Scientifico della collana “Postumani”, Editore Mimesis, Milano;del Comitato Scientifico della collana “Filosofia/Scienza”, Editore Mimesis, Milano; del C.I.R.B. (Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica – Università degli Studi di Napoli Federico II, Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale - Sez. S. Tommaso, Seconda Università degli Studi di Napoli; del C.E.S.A. (Comitato etico-scientifico per la sperimentazione animale) dell’ Università degli Studi di Napoli Federico II Nel 2006 ha ottenuto la menzione speciale della Giuria del Premio Internazionale “Salvatore Valitutti” per il volume: Luoghi del bonheur. Elementi per un’antropologia tra libertinismi e mondo dei lumi, Napoli, Giannini Editore, 2005 Autore di oltre 60 pubblicazioni tra monografie e saggi.

Ad introdurre l’incontro sarà Carmela D’Aronzo presidente dell’Associazione culturale filosofica “Stregati Da Sophia”e interverrà Monica Matano provveditore agli studi di Benevento. Il coordinamento sarà invece affidato a Giovanna Ruggiero docente di Storia e Filosofia - I.I.S.” E. Fermi” Montesarchio.

La performance “Filosofia e Musica” sarà a cura del Conservatorio “N.Sala”: Francesca Fusco voce; Mario Luce sax alto;Fabiano Fasoli pianoforte; Antonio Faranda chitarra;Nicola Zechender basso elettrico;Ernesto Bolognini batteria. Direttore dell'esecuzione:Fabiano Fasoli.



Articolo di Incontri e convegni / Commenti