Festival Filosofico del Sannio, tocca a Paolo Amodio con Nietzsche, Sloterdijk e l'edificio Verita'

13:4:10 404 stampa questo articolo
Festival Filosofico del SannioFestival Filosofico del Sannio

Continuano gli incontri promossi dall'Associazione "Stregati da Sophia" nell'ambito del terzo Festival Filosofico del Sannio. A relazionare sarà: Paolo Amodio. 

È in programma il prossimo 10 febbraio, alle ore 15,00 presso il Teatro Massimo di Benevento il terzo appuntamento del 3° Festival Filosofico del Sannio, organizzato dall’Associazione culturale filosofica “Stregati da Sophia”. La lectio magistralis sarà affidata a Paolo Amodio che relazionerà sul tema : “Nietzsche, Sloterdijk e l'edificio Verità”.

Nella lettura di Peter Sloterdijk, la filosofia di Nietzsche sarebbe una rivoluzionaria istanza metabiologica (lo stesso Nietzsche peraltro dichiara ne Il crepuscolo degli idoli che la décadence è questione “fisiologica”), che va a insediarsi, nella teoria della verità. Condizione e possibilità di attuazione della “vita” umana (non troppo umana, ma pur sempre verità). La verità nietzscheana, perciò, in prima istanza, sembrerebbe configurarsi a mo’ di un insieme: composizione di sistemi simbolici di illusioni condivise, vera e propria modalità contratta dall’umano in nome della vita contro le tensioni psicosociali distruttive del mondo.  E tuttavia, se catapultato nel meta-paradigma dell’Immunologia Generale proposto da Sloterdijk, il terremoto nietzscheano produrrebbe un secondo livello di verità – “secondo” non per grado ma per contagio.

Paolo Amodio è professore ordinario di Filosofia Morale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Federico II di Napoli - Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta”, dove peraltro ricopre anche l’insegnamento di Etica e Religione. La sua più che ventennale attività di ricerca, come testimoniano i suoi numerosi lavori, si è concentrata su diversi filoni: il pensiero filosofico ed etico-politico nella Napoli del Settecento nei suoi rapporti con il mondo intellettuale europeo; la storia del libertinismo, esplorata fondamentalmente nelle sue implicazioni antropologico-filosofiche; le conseguenze etico-politiche determinate dall’evento Auschwitz sulla filosofia del secondo Novecento; il nuovo pensiero ebraico nei suoi rapporti con la tradizione e le nuove prospettive etico-filosofiche; l’antropologia filosofica tra etica, scienza e filosofia; la bioetica, come questione epistemologica.

Ha fondato e dirige la rivista «S&F_scienzaefilosofia.it» Dirige le Collane “Cultura filosofica e Scienze Umane”, “Perimetri. Collana di strumenti per le scienze umane e sociali”. Ricopre molte incarichi all’interno di organizzazioni culturali , infatti, è membro: del Comitato di redazione della rivista «Logos»; del Consiglio Direttivo della rivista «Archivio di storia della cultura»; del Comitato Scientifico della collana “Postumani”, Editore Mimesis, Milano;del Comitato Scientifico della collana “Filosofia/Scienza”, Editore Mimesis, Milano; del C.I.R.B. (Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica – Università degli Studi di Napoli Federico II, Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale - Sez. S. Tommaso, Seconda Università degli Studi di Napoli; del C.E.S.A. (Comitato etico-scientifico per la sperimentazione animale) dell’ Università degli Studi di Napoli Federico II Nel 2006 ha ottenuto la menzione speciale della Giuria del Premio Internazionale “Salvatore Valitutti” per il volume: Luoghi del bonheur. Elementi per un’antropologia tra libertinismi e mondo dei lumi, Napoli, Giannini Editore, 2005 Autore di oltre 60 pubblicazioni tra monografie e saggi.

Ad introdurre l’incontro sarà Carmela D’Aronzo presidente dell’Associazione culturale filosofica “Stregati Da Sophia”e interverrà Monica Matano provveditore agli studi di Benevento. Il coordinamento sarà invece affidato a Giovanna Ruggiero docente di Storia e Filosofia - I.I.S.” E. Fermi” Montesarchio.

La performance “Filosofia e Musica” sarà a cura del Conservatorio “N.Sala”: Francesca Fusco voce; Mario Luce sax alto;Fabiano Fasoli pianoforte; Antonio Faranda chitarra;Nicola Zechender basso elettrico;Ernesto Bolognini batteria. Direttore dell'esecuzione:Fabiano Fasoli.



Articolo di Incontri e convegni / Commenti