Incidente e codice rosso, interviene Saut di Ginestra: il ringraziamento

12:12:45 1988 stampa questo articolo
Ambulanza MisericordiaAmbulanza Misericordia

Riceviamo e pubblichiamo la nota di ringraziamento dopo un tempestivo soccorso.

Dopo l'incidente del primo giugno, avvenuto lungo la SS. 90 bis all'altezza del bivio tra Casalbore e Buonalbergo, dove è intervenuto per un codice rosso l'equipaggio medicalizzato del Saut di Ginestra degli Schiavoni, la famiglia del giovane soccorso, in una missiva di ringraziamento fatta pervenire al sindaco di Ginestra, Zaccaria Spina, ringrazia, per la professionalità e la celerità dimostrata, il personale del Saut di Ginestra che ha effettuato l'intervento ed il personale del 118 di Ariano e Montecalvo, nonché il direttore generale dell'Asl Bn1, Franklin Picker.

L'equipaggio del Saut di Ginestra, che ha effettuato il soccorso del primo giugno al 18enne rimasto coinvolto nell'incidente a bordo della sua moto, era composto dal medico dott. Giacomo Carrisi, dall'infermiere Domenico Viele e dall'autista soccorritore Giovanni Zaccaria.

“Mi associo – ha dichiarato il sindaco Zaccaria Spina – ai ringraziamenti della famiglia verso il direttore Picker e verso il personale del Saut di Ginestra, per l'intervento che questa volta si è rivolto addirittura fuori provincia. Rimaniamo ancor più convinti – prosegue Spina – della necessità della postazione medicalizzata individuata nel comune di Ginestra degli Schiavoni, che, oltre a servire un bacino di paesi limitrofi, serve anche un grande tratto di viabilità della SS. 90 bis divenuto, ormai, oltremodo pericoloso”.

“Il direttore Picker – dichiara il primo cittadino di Ginestra – ha avuto la determinazione ed il coraggio di porre fine ad una situazione disastrosa che si era venuta a creare su tutto il territorio del Fortore, dopo le note decisioni di ridurre ad una sola postazione medicalizzata per un territorio vastissimo e dalla viabilità assurda”. “L'auspicio – conclude Spina – è che si continui su questa strada, in quanto riteniamo che quando si parla di salvare vite umane non devono esistere né problematiche di natura finanziaria, né tantomeno burocratiche, o addirittura politiche. Allo stato la presenza del medico è prevista fino alle ore 20.00, fortuna che l'intervento in codice rosso è avvenuto un'ora prima, intorno alle ore 19.00”.



Articolo di Attualità / Commenti