La Fondazione Gerardino Romano presenta il libro "Il tempo fa il suo mestiere"

9:15:2 563 stampa questo articolo
Mariastella Eisenberg (a sinistra) autrice del romanzo, Il tempo fa il suo mestiereMariastella Eisenberg (a sinistra) autrice del romanzo, Il tempo fa il suo mestiere

Presentazione del libro "Il tempo fa il suo mestiere",  mercoledì 11 gennaio, alle ore 18.30, presso la sede sociale della Fondazione Gerardino Romano a Telese Terme.

La Fondazione Gerardino Romano accoglie la professoressa Mariastella Eisenberg autrice del romanzo. Sintesi felice di molti generi – romanzo, testimonianza, denuncia, – "Il tempo fa il suo mestiere" è una saga familiare intessuta di silenzi colpevoli, rancori sotterranei, sentimenti granitici. Ai giorni nostri, a Gerusalemme, città sacra a ebrei, cristiani e musulmani, si scioglieranno i nodi di questa appassionante vicenda umana, che prende il via nel 1912 in Romania e trova il suo sviluppo negli anni Cinquanta in Italia, a Napoli. Due guerre mondiali sconvolgono il vecchio continente e milioni di esseri umani, durante e dopo i conflitti, devono fare i conti con tutti i peccati della Terra. Eisenberg racconta dei Rosenberg, famiglia ebrea di etnia tedesca, attraversando i tormenti del Ventesimo secolo, laddove le ragioni della storia cedono il passo ai diritti del cuore e del vissuto quotidiano e lo fa con lo stile che le è proprio, con «l’immediatezza delle immagini, la prosa agile e mai retorica». Nella pagina più alta del libro, il Memoriale di Mosè, si legge: «La nostra vita può dipendere solo dalle risposte che riusciamo a dare alle domande dei morti». Questa, la chiave di lettura che attraverso un percorso circolare, giunge fino al «messaggio di speranza» conclusivo. Sorge spontaneo chiedersi: il recente attentato avvenuto a Gerusalemme induce a un’attualità o a una letteratura da ripensare?

Mariastella Eisenberg già insegnante e dirigente scolastico, dal 2004 si dedica alla scrittura e all’impegno sociale. Ha pubblicato Perché ancora i Promessi Sposi, Marimar, 1989; Sara, Guida, 2005; Carovita, Lettere arti scienze, 2009; Chiedi alle mani, Sovera, 2009; Alfabetando, L’Aperia, 2011, prefazione di Luigi Trucillo; Cantico nella parola svelata, Compagnia dei Trovatori, 2013, prefazione di Silvio Perrella, nota di Bruno Galluccio; Madri vestite di sole, Interlinea, 2013, prefazione di Giampiero Neri, nota di Andrea Renzi; Viaggi al fondo della notte, Oèdipus, 2015, prefazione di Ugo Piscopo, nota di Maram Al-Masri. 



Articolo di Letteratura / Commenti