Mastella presenta "Noi Campani", striscioni di protesta per parole su centri sociali - FOTO

18:2:7 2241 stampa questo articolo
Striscioni protesta MastellaStriscioni protesta Mastella

Continuano a giungere attestati di solidarietà nei riguardi del Centro Sociale Autogestito Depistaggio e del L@p Asilo31.

Si espande la solidarietà nei confronti del Centro Sociale Autogestito Depistaggio ed il L@p Asilo 31. Dopo le tante attestazioni delle scorse ore, tra cui quelle di Emiliano Brancaccio, dell’eurodeputata Eleonora Forenza e dell’ex leader dei disobbedienti Luca Casarini arriva anche quella dell’Osservatorio Repressione e degli attivisti di Insurgencia che a Napoli nei pressi dell’Holiday Inn dove è in programma la presentazione del movimento di Clemente Mastella denominato “Noi Campani” ha affisso alcuni eloquenti striscioni.

Come si ricorderà, nei giorni scorsi il sindaco aveva annunciato la volontà di “restituire” ai beneventani il pattinodromo comunale, costruito con i fondi di Italia90 e mai terminato e occupato, insieme ad alcuni locali, nel 2000 dal Collettivo Rive Gauche dal quale è nato il Depistaggio. Ieri invece l’episodio del tentativo di distacco dell’energia elettrica al L@p Asilo 31 con gli attivisti che hanno poi subito spiegato come ci sia la volontà di pagare le utenze e di mettersi “in regola”.

“Esprimiamo solidarietà al centro sociale autogestito Depistaggio e al Lap Asilo 31 di Benevento – scrive l’’Osservatorio Repressione – spazi sociali di autogestione, mutalismo e libertà messe sotto attacco dal Sindaco Clemente Mastella e dalla sua amministrazione. In questi anni, come osservatorio repressione abbiamo partecipato a tante iniziative promosse sia dal depistaggio che dal Lap Asilo 31. Sono i luoghi in cui dall’inizio degli anni 2000 in poi hanno favorito il protagonismo giovanile dove si è prodotto cultura, socialità, confronto collettivo, sport, memoria storica, a partire dal recupero volontario di luoghi lasciati colpevolmente all’abbandono ed al degrado. Spazi che sono il punto di riferimento di centinaia di giovani di Benevento e non solo, che lo frequentano per l’impegno politico-sociale come per le altre numerose attività di aggregazione e cittadinanza attiva che in esso si svolgono. La volontà di Mastella di voler chiudere questi spazi è un attacco feroce e a tutto campo nei confronti degli strati più poveri e deboli della nostra società, una provocazione da rimandare al mittente. L’Osservatorio Repressione nel ribadire la solidarietà si attiverà con tutte le sue forze e mezzi a sostegno del Depistaggio e di Lap Asilo 31”. 

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook di Insurgencia

Notizie correlate

Centri Sociali, Casarini: "A Mastella termini come autogestione, beni comuni, non gli entrano in testa"

Depistaggio a Mastella: "Da 17 anni e' un luogo aperto per la citta' "

Il Depistaggio potrebbe scomparire? Mastella: "Pattinodromo torni ai cittadini beneventani"

Vicenda Depistaggio, interviene l'eurodeputata Forenza: "E' un bene comune e patrimonio politico"

Depistaggio: UDS, Anarchici e l'economista Brancaccio in difesa del Centro Sociale


Centri Sociali - Mastella, si incrinano i rapporti. Blitz comune all'Asilo31 - AUDIO
 



Articolo di Attualità / Commenti