Olio Dante al Cibus 2016 di Parma: "Pronti a raccogliere le nuove sfide dell'agroalimentare"

17:25:5 2115 stampa questo articolo
Olio Dante al Cibus 2016 di ParmaOlio Dante al Cibus 2016 di Parma

Olio dante SpA è tra le eccellenze presenti al Cibus 2016 - Salone Internazionale dell'Alimentazione.

“L’agroalimentare come asse centrale nello sviluppo del Paese e del Sistema Italia”. Con queste parole il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina ha aperto il Cibus 2016, il Salone Internazionale dell’Alimentazione organizzato da Fiere di Parma e Federalimentare, che ha aperto i battenti oggi nella città emiliana e che proseguirà fino al 12 maggio. Alla cerimonia di inaugurazione, presente l’azienda sannita Olio Dante SpA, una delle eccellenze alimentari che sta animando i padiglioni della manifestazione.

“Accogliamo con entusiasmo il messaggio del Ministro Martina ed accettiamo la sfida. La nostra azienda è infatti pronta a penetrare i mercati esteri in cui i consumi di olio sono significativi. I cambi manageriali avvenuti in azienda sono proprio volti a cogliere tutte le opportunità che i processi di internazionalizzazione ci forniranno”, spiega Mauro Tosini, Direttore Commerciale di Olio Dante SpA. Tra i nuovi volti della rinnovata governance anche il Consigliere di Amministrazione Giovanni Diana, nominato nel CDA dell’azienda dal Fondo Trinity, che è stto presentato dal Presidente Mataluni al Ministro Martina.

Il Fondo internazionale “Trinity Investments” ha infatti deciso di investire 20 milioni di euro nell’industria olearia campana, condividendo il nuovo piano industriale, focalizzato sulla penetrazione nel mercato americano e sul rafforzamento del brand in Oceania e nei mercati orientali, dove Dante è presente da tempo.

Alla cerimonia anche il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha avuto modo di colloquiare con Biagio Mataluni sull’importanza di una dieta corretta e dei prodotti cosiddetti “nutraceutici”, come l’Olio Extravergine di Oliva Dante ConDisano, arricchito con vitamina D. Sulla scia del dopo Expo, i numeri di questa 18esima edizione di Cibus sono da record con una esposizione che copre tutti i settori tradizionali del comparto e tutte le nuove tendenze dell’offerta alimentare: 3 mila espositori (+11% rispetto alla precedente edizione) su un’area di 130mila metri quadri; 70mila visitatori attesi, di cui 15mila dall’estero; 2mila top buyer da ogni continente. In concomitanza con l’evento fieristico si terranno il “World Food Research and Innovation Forum” e l’assemblea annuale di Federalimentare.



Articolo di Industria / Commenti