Pokemon-mania: sequestrate ad Avellino 200mila carte contraffatte

Sequestrate dalla polizia di Avellino oltre 200mila confezioni di carte Pokémon contraffatte, destinate al mercato parallelo soprattutto sotto le festività natalizie. L'auto che trasportava il materiale è stata fermata durante un controllo della Polstrada di Avellino: a bordo due pregiudicati, che sono stati fermati.


9:11:44 1282 stampa questo articolo


  • 25 aprile, "Bella ciao" risuona su Netflix: e' l'inno alla resistenza della serie cult "La casa di carta"
  • Documentario. 25 aprile, gli ultimi partigiani: vita, lotte e morte del "Cion"
  • Iemmello commenta il gol al Milan: "Mi dovrebbero comprare le milanesi"
  • Juventus Napoli, Sarri: "La vittoria di un popolo"
  • Highlights Serie A. Juventus 0-1 Napoli, Giornata 34
  • Gattuso: "Che vergogna, mettiamoci la faccia"
  • Highlights Serie A. Milan 0-1 Benevento, Giornata 34
  • Highlights Serie A. Le sintesi video di tutti gli incontri della 34 giornata
  • Highlights Serie A. Sassuolo 2-2 Benevento, Giornata 32
  • Tutti gli Highlights Giornata 32 Serie A TIM 2017/18
  • DIA. Operazione Transilvania, le immagini degli arresti
  • Allegri: "Scudetto si assegna all'ultima giornata"
  • Higlights Serie A. Benevento 2-4 Juventus, Giornata 31
  • Higlights Serie A. La sintesi di tutti gli incontri della 31 Giornata di Serie A TIM 2017/18
  • Allegri: "Contro il Benevento non dobbiamo sbagliare"
  • Higlights Serie A. Benevento 3-0 Verona
  • Higlights Serie A. La sintesi di tutti gli incontri della 27 Giornata di Serie A TIM 2017/18
  • Il Papa a Regina Coeli: "La fraternita' porta alla pace"
  • Caso Bardonecchia, cresce la tensione con Parigi
  • Nazionale. La Var salva gli azzurri: buon 1-1 a Wembley
  • Eurozona: un fondo per i tempi difficili, a suggerirlo Christine Lagarde
  • Facebook blocca Cambridge Analytica per violazione dei dati personali
  • M5S, il bluff delle dimissioni di Dessi': l'imbarazzo di Di Maio e gli altri big
  • Primo giorno da senatore. Accoglienza delle matricole a Palazzo Madama tra i nuovi eletti ed ex reduci della politica