Sale da gioco, minori sorpresi a scommettere. Sanzionati tre gestori nella provincia di Salerno

15:53:49 4369 stampa questo articolo
Guardia di Finanaza - minori in sale scommesseGuardia di Finanaza - minori in sale scommesse

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Salerno hanno multato tre gestori di altrettante sale da gioco dopo aver sorpreso dei ragazzi minorenni mentre scommettevano su eventi sportivi.

Nell’ambito delle iniziative programmate dal Comando Provinciale di Salerno a presidio della legalità e a contrasto del dilagante fenomeno delle scommesse clandestine e del gioco d’azzardo, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Scafati hanno constatato, in tre diverse sale da gioco, operanti nei Comuni di Scafati e San Valentino Torio, la presenza di minorenni.

Le Fiamme Gialle, nell’ultimo fine settimana sono stati impegnati in controlli a tappeto sull’intero territorio di competenza, volti a reprimere le forme di gioco compulsivo (ludopatia) ed il rispetto della normativa vigente, che vieta ai minori di anni diciotto di partecipare ai giochi pubblici con vincita in denaro e, addirittura, l’ingresso nelle sale bingo e nella aree dove sono installati apparecchi Videolottery e/o ove si scommette su eventi sportivi.

In tutte le sale dedicate esclusivamente al gioco è fatto obbligo di esporre in maniera visibile, nei punti di ingresso al locale, avvisi recanti il divieto di accesso e di gioco per i minori di anni diciotto. Nei casi di dubbi sulla maggior età, la legge prevede la possibilità di richiedere l’esibizione di un documento di identità.

All’esito dei controlli mirati, in una sala da gioco Videolottery, e in due diverse agenzie scommesse, è stata rilevata la presenza di ragazzi minorenni intenti al gioco ovvero in procinto di puntare su eventi previsti dai vari palinsesti a loro offerti. L’operazione di servizio svolta sul territorio dell’agro-nocerino ha portato alla contestazione ed alla irrogazione ai rispettivi titolari delle attività commerciali controllate delle sanzioni amministrative pecuniarie quantificate da un minimo di Euro 5.000,00 e fino ad un massimo di Euro 20.000,00, nonché con la susseguente chiusura dell’esercizio commerciale da dieci a trenta giorni, che verrà successivamente operata dai competenti Uffici dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato.

L’attività di servizio posta in essere testimonia il costante presidio esercitato dal Corpo sul territorio a salvaguardia delle leggi vigenti nello specifico settore, ed è finalizzata, nello specifico, a contrastare il fenomeno del gioco da parte dei minorenni, per evitare il rischio che tali soggetti, alla ricerca di nuove emozioni, assumano comportamenti e abitudini di gioco non sane.

L’esperienza del gioco con vincita in denaro, oltre ad essere vietata per legge, può risultare pericolosa in età giovanile, soprattutto se ripetuta, approvata, incoraggiata o semplicemente permessa da genitori.



Articolo di Salerno / Commenti