Salerno. Confiscati beni per 500 mila euro ad imprenditore contiguo a clan camorristico

16:32:38 736 stampa questo articolo
Guardia di Finanza di SalernoGuardia di Finanza di Salerno

La Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un decreto di confisca emesso dalla Corte di Appello di Salerno — Sezione Misure di Prevenzione, a conclusione di complessi accertamenti patrimoniali svolti nei confronti di un imprenditore e dei componenti del suo nucleo familiare.

L'imprenditore è stato contiguo al clan "Maiale" operante nella piana del Sele, per conto del quale gestiva il denaro legato alla lucrosa attività di usura. Gli accertamenti patrimoniali, delegati dalla Procura della Repubblica ai finanzieri del G.I.C.O. di Salerno, hanno riguardato i beni immobili e societari acquisiti all'epoca della sua vicinanza alla criminalità organizzata e hanno consentito di dispone la confisca previo sequestro ai sensi della normativa antimafia di beni per un valore complessivo di oltre 500 mila euro.

In particolare sono stati sequestrati un appartamento in Pagani (Salerno) e un appartamento e due locali in Pontecagnano Faiano (Salerno), del valore complessivo di quasi 400 mila euro, facenti parte di un patrimonio sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati dall'intero nucleo familiare dell'imprenditore.

Inoltre è stata disposta la confisca, nella forma per equivalente, della somma complessiva di 116 mila euro, del patrimonio dell'uomo e del suo nucleo familiare, perché riferibile a beni in loro possesso negli anni in cui si è manifestata la pericolosità sociale e la sproporzione in capo al soggetto destinatario del provvedimento, ma non più nella loro disponibilità. Tale particolare misura cautelare ha consentito la confisca di un'autovettura e delle somme giacenti sui rapporti bancari anche di 4 familiari.

L'operazione si inserisce nel quadro delle attività di sottrazione dei patrimoni illecitamente accumulati, nella prospettiva della loro restituzione alla collettività per finalità sociali e di pubblico interesse.



Articolo di Salerno / Commenti