Scout irpini per due giorni ospiti del Centro di Formazione per la Protezione Civile di Pesco Sannita

19:25:41 875 stampa questo articolo
Osservatorio Sismico L. PalmieriOsservatorio Sismico L. Palmieri

Nel corso dei due giorni, i ragazzi faranno anche visita all’ Osservatorio Sismico “ Luigi Palmieri”, struttura annessa al Nucleo di Protezione Civile.

Sabato 22 e Domenica 23 aprile 2017, 25 ragazzi del Gruppo Scout Agesci di Altavilla Irpina, saranno ospiti del Centro di Formazione per la Protezione Civile “ Antonio Barone” di Pesco Sannita per realizzare una serie di attività educative e di informazione sul rischio sismico ed alluvionale. Nel corso dei due giorni, i ragazzi faranno anche visita all’Osservatorio Sismico “ Luigi Palmieri”, struttura annessa al Nucleo di Protezione Civile. Farà da tutor il geologo Piero La Brocca, che cercherà di far comprendere ai giovani scout, l’ origine dei terremoti e le nozioni di base di prevenzione, ed il rischio sismico connesso alle aree Sannio- Matese ed Irpinia, ed i comportamenti da tenersi in caso di terremoto .

“L’obbiettivo primario dell’iniziativa - ha dichiarato il direttore dell’ Osservatorio Sismico, Pietro A. De Paola – è quello di far conoscere il rischio sismico locale ai giovanissimi Scout, di Altavilla Irpina, attraverso un’attività didattica mirata di sensibilizzazione e di prevenzione. Per il raggiungimento degli scopi prefissati, è stato elaborato un apposito progetto, che vedrà nel corso del corrente anno la visita con permanenza di diversi gruppi di giovani. E’ stato scelto di concretizzare l’idea del progetto pilota in un’area campione definita ‘strategica’: quella del Sannio -Irpinia- Matese. Nelle vicinanze di tale località, infatti, sono presenti alcuni distretti sismici importanti ben conosciuti dai Sanniti -Irpini ormai da svariate generazioni".

E aggiunge: "L’attuale assetto della Rete Sismica Locale, composta da oltre 15 Stazioni permette di registrare quasi quotidianamente delle micro-scosse nel Sannio , Irpina e Matese. Sono prevalentemente scosse che non vengono percepite dalla popolazione ma che segnalano l’esistenza di una costante attività sismica locale. Visto il notevole interesse che ha suscitato il progetto pilota nell’ambito scolastico e dell’opinione pubblica e stimolati dalle molteplici richieste di partecipazione ad un eventuale nuovo allargamento del progetto, si è deciso di ripetere l’esperienza nell’anno scolastico 2017-2018, estendendo l’attività a tutte le scuole che ne facessero richiesta. Ciò ha comportato un impegno notevole da parte di tutti gli enti coinvolti, ripagato abbondantemente dalla soddisfazione di aver potuto contribuire, anche se in minima parte, alla crescita culturale di tantissimi alunni, tra bambini delle scuole elementari e ragazzi delle scuole medie”.

Il progetto “A Scuola di Terremoti” è stato riarticolato in cinque fasi principali: “Svolgimento di lezioni svolte all’interno delle scuole da personale tecnico del Centro di Formazione per la Protezione Civile ‘Antonio Barone’; Lezioni svolte all’interno delle scuole da personale dell’Osservatorio Sismico ‘L.Palmieri’; Visita didattica guidata all’Osservatorio Sismico ; Esercitazioni di Protezione Civile in varie località del territorio con il coinvolgimento del volontariato locale; Realizzazione di lavori didattici (temi, disegni, cartelloni)”.



Articolo di Attualità / Commenti