Test lingua italiana per i richiedenti il permesso di soggiorno. Firmato accordo

11:47:54 346 stampa questo articolo
Palazzo del GovernoPalazzo del Governo

In particolare è prevista la collaborazione della Prefettura con l’Ufficio Scolastico per assicurare lo svolgimento delle sessioni di esame nella prospettiva di un miglioramento graduale degli interventi in relazione alle esigenze e ai bisogni di volta in volta emergenti in materia di immigrazione.

Il prefetto di Benevento, Paola Galeone, ed il dirigente dell’Ufficio VIII “Ambito Territoriale di Benevento” – Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, Monica Matano, in attuazione all’accordo quadro tra il Ministero dell’Interno e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – hanno firmato il 10 ottobre scorso il nuovo protocollo d’intesa finalizzato ad individuare le istituzioni scolastiche presso le quali saranno svolti i test di conoscenza della lingua italiana per i richiedenti il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

La sottoscrizione del protocollo si è resa necessaria per l’intervenuta istituzione con delibera della Giunta Regionale Campania n. 817 del 28.12.2016, del Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti (CPIA) in provincia di Benevento a decorrere dal 1° settembre 2017.

In particolare è prevista la collaborazione della Prefettura con l’Ufficio Scolastico per assicurare lo svolgimento delle sessioni di esame nella prospettiva di un miglioramento graduale degli interventi in relazione alle esigenze e ai bisogni di volta in volta emergenti in materia di immigrazione.

Il Protocollo d’intesa individua quali sedi di svolgimento delle predette sessioni di esame gli istituti scolastici (CTP) di seguito elencati: Airola, Apice,“Lucarelli” di Benevento,“Corso per Adulti” di Benevento, Colle Sannita, Cusano Mutri, Montesarchio, Morcone, Pietrelcina,Pontelandolfo, San Marco dei Cavoti, San Salvatore Telesino e Telese.

La Prefettura selezionerà di volta in volta il CTP destinatariodella materiale esecuzione della sessione secondo le esigenze degli interessati in relazione al domicilio indicato e tenuto conto del numero di partecipanti a ciascuna sessione formativa.



Articolo di Attualità / Commenti