"Il bacio azzurro" porta a scuola la magia dell'acqua dell'Alto Calore

Portare il cinema a scuola con l'acqua dell'Alto Calore come protagonista della storia. Il bacio azzurro, un film girato tra Irpinia e Sannio, educa al rispetto dell’acqua e dell’ambiente e mostra alcuni luoghi poco conosciuti di queste terre. "Siamo davvero colpiti dalla bellezza del territorio campano che mette in risalto la pellicola”, hanno affermato i ragazzi che lo hanno visto in anteprima a Fontanarosa.

Nasce con questo obiettivo la manifestazione “Cinescuolambiente”, che intende promuovere la diffusione del pluripremiato film “Il bacio azzurro” di Pino Tordiglione per lanciare un messaggio educativo alle giovani generazioni. La prima proiezione, presso l’Istituto comprensivo “Luigi di Prisco” di Fontanarosa (Avellino), ha visto il coinvolgimento degli alunni delle scuole elementari e medie. Un film che ha incantato ed affascinato il pubblico di allievi e docenti. Le scene, di una bellezza suggestiva e intrise di poesia, hanno catturato l’attenzione di tutti, accendendo entusiasmo e meraviglia nel giovane pubblico.

Un progetto filmico che ha richiamato l'attenzione dell'Onu e dellUnescu. “Il taglio è fiabesco – spiega Tordiglione - intriso di sentimenti semplici: è una carezza alla vita. Non solo immagini ma pensieri profondi, riflessioni su natura e umanità, è il girotondo dell’acqua con l’uomo. L’idea da cui siamo partiti - sottolinea il regista - era quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di salvaguardare il bacino acquifero irpino, tra sorgenti e acquedotti, che è la vera ricchezza della nostra terra, un bacino che alimenta anche la Puglia, con 15.000 litri di acqua al secondo. Volevamo raccontare una storia che trasmettesse alle generazioni più diverse l’importanza di una corretta gestione delle risorse, difendendo le sorgenti da ogni forma di contaminazione, degrado e inquinamento. Abbiamo scelto di partire dalle parole che Garcia Lorca dedica alla pioggia - spiega il regista - in una delle sue poesie. Nasce così il titolo 'Il bacio azzurro'. Il bacio è quello che riceve la terra, quando la pioggia cade al suolo”.

La scuola come il veicolo privilegiato per diffondere proposte educative rivolte alle giovani generazioni con percorsi strutturati e guidati. E’ questo l’obiettivo della rassegna, che intende aprire una finestra nuova sull'offerta formativa con l'attività cinematografica. L'iniziativa è rivolta a tutti i dirigenti scolastici e docenti affinchè si facciano promotori di un modo nuovo di educazione con l'attività audiovisiva. Concepito e strutturato per l'alta fruibilità scolastica e pedagogica, il docu-film racconta, in chiave fiabesca, il viaggio dell'acqua del bacino idrico tra i più grandi e salubri del Pianeta. Uno splendido spaccato sui luoghi d’acqua d’Irpinia - Cassano, Montella, Volturara, Caposele. Fino a soffermarsi sulle sorgenti del Sannio, promuovendo così la valorizzazione del patrimonio paesaggistico. Inoltre, mette in risalto una delle più belle e straordinarie opere idrauliche mai realizzate dall’uomo, tra cui l’esemplare progetto del serbatoio di Solopaca, che coniuga con finezza arte ed ingegneria idraulica, a firma dell’artista sannita Mimmo Palladino.

Il bacio azzurro vede coinvolti attori di grande fama quali: Remo Girone, Sebastiano Somma, Claudio Lippi, Lorenzo D'Agata, Morgana Forcella ed altri.

“E’ davvero un film notevole – hanno commentato le insegnanti – e lancia un messaggio importante sul valore dell’acqua. Cattura per la straordinaria bellezza delle scene. Un film che merita un ‘ampia diffusione, degno di plausi e lode”.

La visione del docu-film tra i banchi di scuola è stato la dimostrazione di come il cinema possa assolvere una funzione educativa importante. Vissuta come momento di spettacolo e di intrattenimento ludico, la visione sarà poi seguita dall’approfondimento della tematica ambientale mediante schede didattiche che prevedono la decodifica del linguaggio delle immagini, dibattiti che puntano ampliare la conoscenza del territorio e favorire l’azione di contrasto all’inquinamento dell’acqua.

Interessate alla proposta educativa lanciata da “Cinescuolambiente” tutti gli istituti scolastici campani, e non solo. La rassegna continuerà nei prossimi giorni nelle scuole di Taurasi, Paternopoli, S.Angelo all’esca e Luogosano. Poi sarà la volta del Sannio.


11:51:39 7182 stampa questo articolo


  • Covid, accordo tra Pfizer e Ue per 200 milioni di dosi di vaccino in più
  • Governo. Ampia maggioranza per Draghi al Senato
  • M5S e Governo Draghi, ecco come funziona il voto su Rousseau
  • Il 59,3 per cento dei Cinquestelle dice si a Draghi. Di Battista lascia il movimento ora a rischio scissione
  • Decreto Natale, le regole: come ci si può spostare sotto le feste
  • Nunzia De Girolamo positiva al Coronavirus: "Malattia subdola, è veramente dura"
  • Le previsioni meteo di venerdì 16 agosto
  • Le previsioni meteo di ferragosto
  • Crisi di Governo. Salvini: dal caos alle elezioni per aggiudicarsi l'Italia, ma dal Sud monta la contestazione
  • Crisi di Governo. Il rebus: esecutivo balneare o elezioni anticipate?
  • Meteo. Le previsioni del tempo di lunedì 12 agosto
  • Bari ricorda la Vlora: 28 anni fa lo sbarco di 18mila albanesi: "Oggi non sarebbero stati accolti" VIDEO
  • Le previsioni meteo di domenica 11 agosto 2019 VIDEO
  • La Lega ufficializza la crisi: presentata in Senato mozione di sfiducia a Conte
  • Crisi di Governo. Il presidente del Consiglio a Salvini: "Non spetta a te decidere i tempi della crisi"
  • Governo nel caos, lo strappo della Lega: "Unica alternativa è il voto"
  • Crisi di governo: Conte e Di Maio accusano Salvini
  • Matteo Salvini da Pescara: "C'eravamo tanto amati"
  • Le previsioni meteo di venerdì 9 agosto 2019
  • Crisi di Governo: scontro sulla tav e minacce di divorzio
  • Vicenda Tav. Respinta la mozione del Movimento 5 Stelle: crepa "ferroviaria" tra i gialloverdi
  • Decreto sicurezza bis: per il costituzionalista Azzariti viola due articoli della Costituzione
  • Le previsioni meteo di mercoledì 7 agosto
  • Anniversari. Hiroshima 74 anni dopo la bomba nucleare