Ah, Nardone dove sei! Rubano tagliente contro Cimitile: ne censura garbo e azione nel collegio

15:8:54 2166 stampa questo articolo

Tagliente e caustica lettera del consigliere provinciale di minoranza dell’UDC, Lucio Rubano, al presidente della Provincia di Benevento Aniello Cimitile (PD). Diverse le stilettate. La prima: hai mandato a tagliare l’erba su un tratto di strada provinciale dopo che avevo dovuto iniziare a farlo io, e a mie spese; la seconda: il tuo predecessore, Carmine Nardone, quando giungeva nei collegi provinciali era uso, per cortesia, avvisare gli eletti e tu non l’hai fatto; terza: sei andato a far visita al Parco paleontologico di Pietraroia, senza annunciarlo, per non urtare la suscettibilità dell’altro eletto del collegio, Giuseppe Maria Maturo, noto avversario di Rubano, ché era assente dal territorio nella circostanza: quarto, caro Cimitile, oltre a visitare il Gebiolab in questo modo sgarbato, facci sapere come intendi risolvere la situazione occupazionale dei suoi dipendenti. Di seguito la nota integrale di Lucio Rubano (nella foto in basso): 

"Illustrissimo Signor Presidente,
a seguito delle proteste dei cittadini, ho più volte richiesto, anche per le vie brevi, che si intervenisse sulla strada provinciale. Telese- San Lorenzello, alla località Pastorello, per provvedere a tagliare l’erba che, crescendo rigogliosa, era giunta ad impedire la normale visibilità e, quindi, a creare seri problemi alla sicurezza degli automobilisti in transito. Poiché dall’Ente non ho ricevuto alcuna risposta, ho provveduto personalmente, a mie spese, a far tagliare le erbacce per eliminare un serio pericolo con gravi implicazioni di responsabilità per la Provincia. In questi giorni, ho potuto constatare che sulla medesima tratta di s.p. citata, si sta provvedendo a rifinire il lavoro da me iniziato. Certo, se avessi saputo che la Provincia aveva bisogno di essere sollecitata in tal modo per provvedere a mettere in pratica una delle sue competenze, quale la manutenzione delle strade per renderle più sicure, o meno pericolose, avrei agito prima.

Voglio sperare che adesso i lavori avviati saranno portati a termine senza interruzioni tali da determinare la necessità di interventi straordinari con impiego di altro personale in modo da evitare che il Consiglio venga interessato da imbarazzanti interrogazioni relative ai disservizi, così come già successo lo scorso anno.

Dalla stampa, inoltre, apprendo della visita che Lei, illustrissimo Signor Presidente, ha effettuato al Paleolab di Pietraroja.  L’onorevole Carmine Nardone, che l’ha preceduta alla guida della Provincia di Benevento, quando viaggiava sul territorio provinciale, era uso avvisare i Consiglieri Provinciali rappresentanti del territorio presso il quale si recava. Per questo, in un primo momento, mi ha meravigliato apprendere solo dalla stampa della Sua presenza in quel di Pietraroja. Poi, però, ho pensato che Lei abbia scelto di non annunciare il Suo arrivo nel Collegio per non urtare la suscettibilità di altri autorevoli rappresentanti del Consiglio Provinciale, momentaneamente assenti, dei quali, probabilmente, è preferibile non urtare la suscettibilità, soprattutto in questo momento.

Ciò che spero vivamente, al di là delle piccole questioni di garbo istituzionale, è che la Sua visita al Paleolab porti conseguenze positive per i suoi dipendenti.  Come ricorderà, infatti, Le ho chiesto in una interrogazione, che ancora attende di avere risposta, come intendeva risolvere la situazione dei dipendenti del Museo di Pietraroja, in particolare, che alla data del 19 aprile 2010, non percepivano lo stipendio da ben sette mesi.
Con l'occasione le porgo cordiali saluti".



Articolo di / Commenti