Apice. Al via sul sito del comune l’area dei ‘Servizi al cittadino’

9:28:27 2059 stampa questo articolo

Il sito del Comune di Apice ha attivato l’Area online “Servizi al Cittadino” nel quale ogni cittadino potrà prendere visione dei propri dati anagrafici ed usufruire del servizio di autocertificazione e di prenotazione dei certificati. Sarà attiva anche l’area in cui il cittadino potrà prendere visione dei propri dati elettorali, richiedere la tessera elettorale, verificare se iscritto negli albi di scrutatori e presidenti di seggio elettorale o in quello dei giudici popolari, diversamente richiederne l’iscrizione direttamente online dal portale stesso. Inoltre, è attivo il servizio ICI e IMU online attraverso il quale è possibile verificare le proprietà denunciate e i pagamenti effettuati. Sono in fase di attivazione i Servizi scolastici, Diritto allo studio, Contravvenzioni, Pratiche edilizie, Contratti, Urp con Quesiti e Reclami, Attività Produttive, Rifiuti e Pagamenti online ed a breve sarà attivo anche “Servizi Cimiteriali” dal quale sarà possibile verificare i contratti delle lampade votive e documenti emessi. L’accesso a tale Area è riservato ai cittadini residenti nel Comune ed ai cittadini AIRE (Residenti all’Estero), mentre per i non residenti è riservata un’altra area nella quale si possono consultare i propri dati tributari. Per accedere al portale, i cittadini devono registrarsi utilizzando il modulo per i cittadini residenti o AIRE nel quale è necessario inserire il numero della carta d'identità o della patente al fine di poter garantire la privacy di ogni singolo cittadino. “L'area dei "Servizi al cittadino" ha il fine di organizzare le informazioni ed i servizi sulla base delle esigenze concrete e quotidiane di vita e lavoro dei cittadini. Il risultato – ha dichiarato l’assessore Gerardo Pellino - è la semplificazione della vita dei cittadini, in quanto molte informazioni e servizi ora possono essere ottenuti online. Il Servizio E-Government consente l'erogazione di servizi ai cittadini, imprese ed altri Enti pubblici via internet, sfruttando tutti i vantaggi delle nuove tecnologie” – ha concluso Pelllino.



Articolo di Fortore / Commenti