Approvato il Salva Enti al Comune di Benevento. L'opposizione abbandona l'aula al momento del voto

9:0:37 7135 stampa questo articolo

NOSTRO SERVIZIO
Ultimo aggiornamento: Dopo oltre dodici ore di lavori consiliari, al Comune di Benevento è stato votato il Salva Enti. In aula, al momento del voto, solo la maggioranza. Passa dunque la delibera che consentirà, in un decennio, a Palazzo Mosti, di ripianare la massa debitoria accertata, di 34 milioni e seicento mila euro.

Aggiornamento: Si va lentamente verso il voto del Salva Enti a Palazzo Mosti. In questo momento la parola è passata al sindaco di Benevento, Fausto Pepe. In precedenza, il consigliere comunale di Tèl, Pasquariello, al termine del suo intervento, ha chiesto le dimissioni del primo cittadino.


Aggiornamento: Ha preso il via solo alle 14.15 la discussione riguardante il Salva Enti al Comune di Benevento. Dopo una mattinata di discussione "politica" dove ha tenuto banco la frizione tutta sannita tra Pd e Centro Democratico (ex Api), e dopo una pioggia di pregiudiziali presentate ( e puntualmente respinte dalla maggioranza che ha i numeri sufficenti in consiglio) dal consigliere comunale De Nigris e dal gruppo d'opposizione (pregiudiziali che hanno portato a ripetute sospensioni dei lavori consiliari), finalmente c'è stato il via libera per la discussione sul Salva Enti. Il primo a prendere la parola è stato l'assessore alle finanze, Lepore, che ha ricordato che la massa debitoria è di 34milioni di euro che si punterà ad assorbire con la vendita del partimonio immobiliare cittadino (valore complessivo stimato di 64 milioni di euro). Netto coro di dissenso da parte dell'opposizione. Il primo a prendere la parola è stato Carmine Nardone che ha definito "pessima" la delibera in questione. I lavori vanno avanti al rilento, con un dibattito piuttosto scialbo, "acceso" solo dalle dichiarazioni di Mario Zoino che ha parlato di alcuni debiti frutto di truffe. Il Salva Enti dovrebbe essere approvato perchè la maggioranza ha i numeri sufficienti per spuntarla.



Aggiornamento: E' bagarre in Consiglio comunale, dove è in discussione la proposta di approvazione del Salva-Enti. Ad originare lo stato di tensione, il testa a testa tra il fuoriuscito dalla maggiornaza, Cangiano e il sindaco, Fausto Pepe che ha rimproverato al suo ex consigliere, assente in occasione dell'approvazione del bilancio dell'Ente, perchè "alla Provincia a firmare il protocollo per il bike sharing". Per Pepe, si tratta di scelte personali, ma "bisogna avere la credibilità di andare in giro". Cangiano ha motivato le sue scelte e risposto anche a Capezzone che gli chiedeva conto della sua posizione. Cangiano, infatti, è anche candidato alla Camera per Centro Democratico. "Ciò che avviene a Roma - ha detto il consigliere - è diverso da quanto accade a livello locale". Il clima, poi, si è surriscaldato quando Cangiano ha espresso dubbi sull'"autorevolezza del sindaco".
In questo momento, il Consiglio è stato sospeso, mentre è in corso, nella stanza del primo cittadino, un incontro con i dipendenti Amts.

Aggiornamento: E' partito intorno alle 10.15 il tanto atteso Consiglio comunale sul Salva Enti. Affollata l'Aula, grazie anche alla presenza dei lavoratori dell'Amts.
Dopo le due surroghe andate a vuoto, fa il suo ingresso a Palazzo Mosti, Cosimo Varricchio, candidato nelle liste di Lealtà per Benevento alle amministrative del 2011. Per un consigliere che arriva tra i banchi della maggioranza, ce n'è uno che se ne va. Si tratta di Mario Cangiano che nei giorni scorsi aveva ritirato il sostegno a Pepe e che questa mattina si è schierato tra le fila della minoranza, accanto a Raffaele Tibaldi.
A Cangiano, Roberto Capezzone ha chiesto di fare chiarezza sulla sua posizione.
-----------------
Non ci sono alternative. O si vota il piano di rientro o sarà dissesto. A Palazzo Mosti c'è uno dei consigli comunali più caldi degli ultimi anni, dove la maggioranza tenterà di evitare il secondo dissesto finanziario dell'ente comunale con l'approvazione del documento "Piano finanziario di riequilibrio prluriennale". Si preannuncia battaglia, come già abbiamo anticipato nei giorni scorsi su questo portale, in vendita per fare cassa ci sono diversi impianti sportivi della città.



Articolo di / Commenti