Asi, Perifano: "Si rischia di non avere la rappresentanza del settore industriale"

17:56:53 2915 stampa questo articolo
Luigi Diego PerifanoLuigi Diego Perifano

Ieri le dimissioni da consigliere camerale di Filippo Liverini, oggi la presa di posizione del presidente uscente dell'Asi Perifano.

"Mesi fa, quando comunicai personalmente al presidente della Provincia, al sindaco di Benevento e al presidente della Camera di Commercio la mia decisione di non chiedere il rinnovo del mandato di presidente dell’ASI (cinque anni sono già tanti), a tutti e tre evidenziai la necessità di operare scelte che, nel segno della concordia, aiutassero a completare la difficile fase di risanamento finanziario dell'Ente- avviata, ma tutt’altro che terminata, col pareggio di bilancio degli ultimi quattro esercizi-, e ne tutelassero il ruolo centrale nelle politiche di sviluppo produttivo del territorio".

Così Luigi Diego Perifano, presidente del Consorzio Asi di Benevento, che interviene sulle scelte effettuate dalla Camera di Commercio in merito a coloro che dovranno sedere nel consiglio generale dell'Asi. Decisione questa che non è andata giù ai vertici di Confindustria con il presidente Filippo Liverini che ieri si è dimesso da consigliere dell'Ente Camerale

"Ora - aggiunge Perifano - proprio la designazione della delegazione camerale nel Consiglio Generale ASI, ha generato, in seno alla Camera di Commercio, una notevole tensione con la componente degli industriali. Ovviamente non è in discussione la qualità , lo spessore e la professionalità dei soggetti indicati, con piena legittimità ed in autonomia, dalla CCIAA : si corre però il rischio che, forse per la prima volta, nel massimo organo di indirizzo del Consorzio per lo sviluppo industriale non figuri la rappresentanza del settore industria (nella gestione uscente garantita sia da Confindustria che daUnimpresa),mentre, a mio sommesso avviso, Ponte Valentino si identifica soprattutto con gli imprenditori che vi hanno investito e che vi operano. Sono altresì convinto che sia le Istituzioni locali che le organizzazioni economico-sociali debbano compiere ogni sforzo per fare squadra,e non disperdere energie e competenze, allorquando si tratta di presidiare i punti strategici del sistema territoriale: per questa ragione auspico che il presidente Ricci ed il sindaco Mastella, nelle indicazioni che a loro volta si apprestano a dare per completare la composizione del Consiglio generale ASI, vogliano considerare la possibilità di impegnare anche figure di primo piano del mondo imprenditoriale disponibili a mettere la loro esperienza al servizio del Consorzio".



Articolo di Industria / Commenti