Assemblea PD. Semaforo verde alle candidature di Mortaruolo ed Abbate

21:57:24 5926 stampa questo articolo
Mortaruolo e Abbate oggi in assembleaMortaruolo e Abbate oggi in assemblea

Era in programma e si è svolto nel primo pomeriggio all’Hotel Lemi, l’assemblea provinciale PD. Una discussione che doveva prima di tutto ufficializzare le candidature di Giulia Abbate ed Erasmo Mortaruolo. Assente Montesarchio, Pepe parla e poi va via. Presente anche il presidente della Provincia Claudio Ricci.

Hotel Lemi, arrivano alla spicciolata i componenti di spicco del PD sannita come Pepe e Valentino. Mortaruolo è già seduto al tavolo, il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro s’intrattiene all’esterno e dispensa strette di mano e sorrisi. L’assemblea in settimana, ma in realtà da prima, era stata accompagnata da notevoli polemiche esternate soprattutto dall’area cittadina del PD. Circa 70 i presenti, 67 per l’esattezza, Mortaruolo interviene dicendo: "Dobbiamo sostenere il candidato del centrosinistra raccontando il fallimento di Caldoro”. Poi continua: “Dobbiamo puntare sull’unicità del Sannio. Zarro dopo lui è dubbioso: “ I prossimi 10 anni non li vedo neri, ma la mia domanda è: abbiamo le capacità per interpretare questo nuovo ciclo?” Ionico, chiede: “Che la discussione verta sul merito delle candidature”, sull’esito delle primarie richiamando poi l’unità di partito. Laudato in seguito, chiede attenzione per il Sannio: “C'è un partito regionale inesistente che tratta il Sannio da porta acqua”.

Fausto Pepe invece, pur non condividendo in pieno la linea del partito parla e attacca in maniera diretta il DEF – Documento di Economia e Finanza approvato nelle scorse ore dal Governo – e chiosa: “Dobbiamo evitare tagli ulteriori agli enti locali”. Poi torna e prova anche lui a chiedere che il Sannio sia più al centro della politica campana. “In una Campania policentrica, dobbiamo costruirci un protagonismo tutto sannita e favorire la delocalizzazione dei centri direzionali”. Poi conclude: “Non sono contento di come siamo arrivati ad oggi, ma bisogna essere uniti”. Poi tocca a Napoletano, sindaco Dem di Airola: “Dobbiamo incominciare a fare squadra, siamo in ritardo. Abbiamo bisogno di consiglieri che ci accompagnino nelle nostra avventure amministrative”. Poi il riferimento è tutto per la sua cittadina Giulia Abbate: “Si sta impegnando a fondo e merita sostegno. Dobbiamo pensare a vincere”. Infine a parlare è Lepore che asserisce in maniera dissonate: “Non c'è stato un coinvolgimento complessivo. L'unità è un percorso”.

È la volta poi di Giulia Abbate: “ Vi ringrazio, sia per la candidatura sia per il fatto che non è stata mai messa in discussione, questo non era affatto scontato”. Prende la parola anche Umberto Del Basso De Caro: “Siamo un partito che ragiona, non siamo spaccati. Il metodo è quello di far valere la proposta politica. La politica è anche calcolo ma non può essere solo calcolo. Dobbiamo aprirci ad un dibattito più importante”.
Dopo il dibattito arriva il voto, all’unanimità e per acclamazione vengono scelti Giulia Abbate e Mino Mortaruolo. Saranno loro a rappresentare il PD sannita e dunque a concorrere per un posto a Palazzo Santa Lucia.

commenti presenti 3 » LEGGI


Articolo di Partiti e associazioni / Commenti