Assicurazione auto e vacanze all'estero: cosa sapere prima di partire?

9:45:23 4104 stampa questo articolo
Viaggio in auto all'estero e RCAViaggio in auto all'estero e RCA

Se hai in programma una vacanza all’estero on the road, ecco le cose più importanti da sapere sull’assicurazione auto, anche in caso di noleggio del mezzo.

È arrivata la metà di Luglio e tutti abbiamo la mente già proiettata verso le ferie. C’è chi ha programmato una vacanza di relax al mare, chi una visita in qualche città d’arte, chi invece un tour on the road in qualche paese straniero. Se sei tra questi ultimi, sei sicuro di aver considerato tutto riguardo all’assicurazione auto? Abbiamo quindi chiesto agli esperti del comparatore online SuperMoney, sul quale puoi confrontare le migliori polizze auto proproste dalle principali compagnie, di riassumerci le cose più importanti da sapere sull’assicurazione auto in caso di vacanze all’estero. In questo modo potrai partire più sicuro, protetto e tranquillo.

Assicurazione auto per un viaggio in Europa
La scelta migliore e più economica per un viaggio on the road è sicuramente quella di partire con la propria auto, sempre che il tuo itinerario te lo permetta. È ancora più conveniente se hai intenzione di restare nei paesi dell’Unione Europea. Infatti, all’interno dell’UE non è necessario stipulare nessuna assicurazione auto aggiuntiva ma è sufficiente che ti porti tutti i documenti relativi alla tua polizza RCA italiana.

Ciò significa che non cambia nulla: hai gli stessi diritti e gli stessi doveri di quando guidi in Italia. La tua automobile continua a essere coperta dalla tua assicurazione auto esattamente come prima, senza bisogno di stipulare polizze particolari o versare costi aggiuntivi.

Lasciati dare un consiglio, però: controlla attentamente se il tuo itinerario di viaggio passa attraverso Paesi che richiedono l’acquisto della cosiddetta vignetta autostradale. Infatti, in diverse Nazioni dell’Unione Europea, l’autostrada non si paga, come da noi, a seconda dell’utilizzo, bensì attraverso una tassa annuale dall’importo fisso. Questo pagamento viene dimostrato attraverso un piccolo adesivo colorato da incollare sul parabrezza (chiamato vignetta), in modo che tu sia a posto in caso di controllo delle Autorità. Nella fattispecie, i paesi dell’UE che ne fanno uso sono Austria, Bulgaria, Moldavia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Fuori dall’UE, ma sempre in Europa e confinante con l’Italia, c’è da contare anche la Svizzera.

Polizza RC auto per un viaggio fuori dall’Europa
Come funziona invece se il tuo itinerario di viaggio on the road ti porta fuori dai confini dell’Unione Europea? Dovrai procurarti un documento che si chiama Carta Verde. Si tratta di un certificato di assicurazione auto internazionale che garantisce la copertura della polizza RC Auto anche in Paesi diversi da quello in cui hai immatricolato l’auto. In questo modo sarai comunque in regola con le leggi del Paese di destinazione.

Ottenere la Carta Verde è un processo piuttosto semplice: dovrai contattare la tua compagnia assicuratrice, ovviamente con un certo anticipo rispetto alla partenza, e richiederla direttamente a loro. Alcune società, invece, includono la Carta Verde con la tua polizza auto, senza che tu debba farne richiesta dopo. In questi casi, non dovrai versare nessuna cifra aggiuntiva. Se invece devi farne richiesta, può esserti richiesta una piccola somma.

Le Nazioni in cui è richiesto che tu abbia con te la Carta Verde sono: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina. Se il tuo itinerario prevedere di passare attraverso Paesi fuori dall’UE che non sono questi, allora dovrai acquistare una polizza auto alla frontiera. In questi casi, infatti, ti verrà rilasciata un’assicurazione auto temporanea per il tuo viaggio all’estero. Dovrai però prevedere importi superiori alla semplice Carta Verde.

© SuperMoney - ilQuaderno  



Articolo di Guide al Risparmio / Commenti