23 maggio 1992 - 23 maggio 2022. 30 anni dalla Strage di Capaci

16:32:53 2205 stampa questo articolo
Giovani Falcone e Paolo BorsellinoGiovani Falcone e Paolo Borsellino

Il 23 maggio 1992 nei pressi di Capaci (sul territorio di Isola delle Femmine), al passaggio dell'auto del magistrato, la mafia fece detonare un ordigno che uccise il giudice antimafia Giovanni Falcone.

Gli attentatori fecero esplodere un tratto dell'autostrada A29 - con una carica composta da tritolo, RDX e nitrato d'ammonio con potenza pari a 500 kg di tritolo - alle ore 17:57, mentre vi transitava sopra il corteo della scorta con a bordo il giudice, la moglie e gli agenti di Polizia, sistemati in tre Fiat Croma blindate. Oltre al giudice, morirono altre quattro persone: la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Vi furono 23 feriti, fra i quali gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza.



Articolo di Attualità / Commenti