CNA Benevento: "Riqualifichiamo l'Italia", progetto per il recupero del patrimonio immobiliare

19:37:33 926 stampa questo articolo

“Riqualifichiamo l’Italia”, al via la sinergia tra CNA e Ordini professionali per recuperare il patrimonio immobiliare.

Sarà stilato un vademecum da distribuire ai cittadini e condomini che contempli in maniera semplificata e con un linguaggio accessibile tutte le procedure e le azioni da seguire per poter partecipare al progetto “Riqualifichiamo l’Italia”. Saranno, inoltre, organizzati ulteriori tavoli di confronto con le associazioni degli amministratori di condominio e gli ordini professionali.

E’ quanto emerso dall’evento “Lavoriamo insieme – Riqualifichiamo l’Italia” svoltosi oggi presso la Camera di Commercio di Benevento e organizzato da CNA Nazionale Costruzioni, Harley&Dikkinson, partner finanziario del progetto, e CNA Campania Nord - sede territoriale di Benevento - con il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri di Benevento, dell’Ordine degli Architetti PPC Benevento, del Collegio dei Geometri Benevento, del Collegio dei Periti Industriali Benevento, di ANACI Benevento e di ARAI Benevento.

L’iniziativa ha l’obiettivo di promuovere, attraverso la creazione di consorzi di imprese, interventi di tipo strutturale per l’efficientamento energetico e la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare usufruendo delle agevolazioni fiscali, mediante il meccanismo della cessione del credito d’imposta, previste dalle normative nazionali, e in particolare dalle scorse Finanziarie come Ecobonus e Sisma bonus.

L’incontro di oggi ha voluto coinvolgere direttamente i professionisti del settore, tasselli importanti per la concretizzazione del progetto “Riqualifichiamo l’Italia” sia in qualità di depositari di competenze tecniche sia come primi interlocutori con gli inquilini.
“Si tratta di un’opportunità importante non soltanto per riqualificare edifici nella maggior parte dei casi vetusti, ma anche per rilanciare il comparto edilizio che proprio con il mercato delle riqualificazioni, supportato dagli incentivi fiscali, ha visto nell’ultimo anno un nuovo dinamismo – ha spiegato il responsabile nazionale CNA Costruzioni, Mario Turco.

“In Italia – ha aggiunto – ci sono 28 mila abitazioni e un milione di condomini costruiti in un’epoca in cui non c’era attenzione sul risparmio energetico e prima della normativa antisismica. Mai occasione più propizia come quella di adesso perché il Governo con le due ultime Finanziarie ha messo a disposizione Ecobonus e sisma bonus che danno fino all’85% di possibilità di detrarre dal fisco gli interventi di ristrutturazione soprattutto condominiali. Abbiamo creato con il nostro partner Harley&Dikkinson una rete di consorzi di imprese edili in grado di proporre ai condomini un’offerta integrata e garantita cha va dalla progettazione alla realizzazione dell’intervento con un investimento minimo grazie alla cessione del credito di imposta e all’eventuale finanziamento della parte non coperta dagli incentivi fiscali”.

“Questa è una grande opportunità per andare a recuperare un patrimonio immobiliare che è abbandonato da anni. All’interno di CNA sarà costituito un consorzio aperto alle imprese locali che poi gestirà le richieste dei lavori da realizzare” – ha dichiarato il vice presidente di CNA Campania Nord, Antonio Catalano, sottolineando che la Confederazione è sempre stata attenta al tema dell’efficienza energetica tanto da patrocinare anche un laboratorio ad hoc”.

“Il modo in cui è stato strutturato il progetto e l’accesso alle agevolazioni – ha spiegato il responsabile Relazioni Esterne Harley&Dikkinson, Andrea Ceoletta - consente, grazie a una piattaforma web, di rendere certo il pagamento del credito ceduto e l’acquisto del credito d’imposta. Prevede,inoltre,un credito condominiale e un credito di filiera per le imprese che chiedono l’anticipazione del pagamento.”
“L’elemento innovativo del progetto – ha concluso Ceoletta - è la possibilità di unire la cessione del credito d’imposta ad un finanziamento semplice a supporto della parte non coperta dagli incentivi fiscali.”



Articolo di Casa / Commenti