Dopo le elezioni europee, il futuro del Green Deal: tra virata a destra e sfide ambientali

11:45:10 4384 stampa questo articolo
Ambiente. Pianeta TerraAmbiente. Pianeta Terra

Analisi delle implicazioni del recente cambiamento politico in Europa sul futuro delle politiche ambientali dell'UE.

Dopo le elezioni europee dello scorso fine settimana, l'Unione Europea si trova di fronte a una nuova configurazione politica che potrebbe influenzare significativamente il futuro delle sue politiche ambientali. Con un evidente spostamento verso destra nell'equilibrio politico del Parlamento Europeo, molti si chiedono se il Green Deal, ambizioso piano di azione climatica e ambientale proposto dalla Commissione von der Leyen, potrebbe subire modifiche sostanziali o addirittura essere compromesso.

Le elezioni hanno visto un aumento delle posizioni conservatrici e nazionaliste in diversi paesi membri, suggerendo una crescente sfida per le politiche progressiste, inclusa quella ambientale. Tuttavia, nonostante questo cambiamento, gli esperti ritengono che la fine del Green Deal sia improbabile. Ecco perché.

Il Green Deal, presentato nel 2019 come il piano di azione definitivo dell'UE per affrontare la crisi climatica, è stato progettato per trasformare l'economia europea rendendola più verde e sostenibile. Tra gli obiettivi chiave ci sono la riduzione delle emissioni di gas serra, l'innovazione tecnologica nell'energia pulita e la promozione della sostenibilità in tutti i settori economici. Questo ambizioso programma ha ricevuto ampio sostegno da diversi settori della società europea, compresi i Verdi e altri partiti di sinistra, oltre che dalle istituzioni internazionali.

Tuttavia, le elezioni recenti hanno visto una perdita di seggi per i Verdi e un aumento dei partiti di destra e conservatori, portando ad una maggiore frammentazione del panorama politico europeo. Questo spostamento ha sollevato preoccupazioni su possibili rallentamenti o resistenze nell'attuazione completa del Green Deal. I critici temono che i nuovi equilibri di potere possano portare a un allentamento degli impegni ambientali e a una priorità inferiore per la sostenibilità rispetto ad altre agende politiche.

Nonostante questi timori, gli esperti puntano a diversi fattori che potrebbero limitare l'impatto della virata politica a destra sull'attuazione del Green Deal. Primo tra tutti è il fatto che il Green Deal ha già guadagnato un forte sostegno tra molti Stati membri e presso le istituzioni europee stesse. La Commissione Europea, pur soggetta a una nuova composizione politica del Parlamento, mantiene il suo mandato di promuovere politiche che affrontino la crisi climatica. Inoltre, il Green Deal è sostenuto da impegni internazionali come l'Accordo di Parigi, che impone agli Stati membri dell'UE di ridurre le loro emissioni e di adottare misure concrete per contrastare il cambiamento climatico.

In secondo luogo, molti dei provvedimenti necessari per attuare il Green Deal sono già stati introdotti sotto forma di legislazione europea vincolante. Ciò include normative rigide sull'energia rinnovabile, sulle emissioni industriali e sull'efficienza energetica, che sono state adottate con ampio consenso prima delle elezioni recenti. Anche i fondi europei destinati alla transizione verde, come il Fondo per una transizione giusta, sono stati istituiti con il sostegno bipartisan.

Infine, il sostegno pubblico per l'azione climatica rimane elevato in Europa, con un numero crescente di cittadini che esprimono preoccupazione per l'ambiente e che sostengono politiche più rigorose contro il cambiamento climatico. Questo impulso popolare può esercitare pressioni significative sui politici per mantenere gli impegni ambientali e per proteggere il Green Deal da tentativi di indebolimento o ritardi.

Mentre le elezioni europee hanno certamente modificato il panorama politico dell'UE, è però improbabile che segnino la fine del Green Deal. Le sfide rimangono, soprattutto nel bilanciare gli obiettivi ambientali con altre priorità politiche e economiche, ma il quadro legislativo e il sostegno internazionale esistente offrono una base solida per continuare l'implementazione di politiche climatiche ambiziose. Il futuro del Green Deal dipenderà ora dalla capacità dell'UE di navigare attraverso le complesse dinamiche politiche interne mantenendo al contempo un impegno deciso per un futuro sostenibile.



Articolo di Ambiente / Commenti