Fortorina. Serrata road map dell'ANAS: progetto definitivo lotto 2 e consegna lavori del 1 lotto

19:46:37 2775 stampa questo articolo

"Recentemente presso il Ministero dei Trasporti ho incontrato i tecnici del Mit e di Anas per affrontare alcune questioni territoriali, tra cui i lavori della Fortorina". E' quanto annuncia la senatrice Sabrina Ricciardi del Movimento 5 Stelle.

Per la senatrice Ricciardi "le novità sono positive e sembra che finalmente si stiano compiendo dei significativi passi in avanti. Ad esempio, già il mese prossimo verrà consegnata una parte significativa dei lavori lungo la direttrice "Appulo-Fortorina", tra San Marco dei Cavoti e San Bartolomeo in Galdo. Infatti, come ho potuto apprendere da un documento che mi è stato consegnato dai tecnici di Anas, entro il mese di giugno 2019 verranno consegnati i lavori del 1° lotto, 2° stralcio, riguardanti la variante all'abitato di San Marco dei Cavoti, in continuità col tratto precedente della variante "del Fortore".

Il progetto, che prevede la realizzazione di 4,5 chilometri di strada, comprese una galleria e un viadotto, è essenziale dal momento che migliorerà l'accessibilità ai territori del Fortore, riducendo il traffico nel Comune di San Marco dei Cavoti. In particolare, verranno consegnati i lavori riguardanti il secondo stralcio funzionale della "variante all'abitato di San Marco dei Cavoti", ovvero 2,5 chilometri di piattaforma stradale a due corsie.

"Inoltre - continua la senatrice 5Stelle - leggendo il crono-intervento fornito da Anas, ho potuto appurare che terminerà già a luglio la stesura della progettazione definitiva del 1° lotto "Variante di San Marco dei Cavoti", 1° e 3° stralcio, relativo al tratto in variante per il superamento dell'area PIP di San Marco dei Cavoti e agli interventi per il miglioramento della viabilità di collegamento del Comune di Molinara e della relativa area PIP alla nuova variante. Il 2° lotto, invece, riguarda la realizzazione della variante all'abitato di San Bartolomeo in Galdo, la cui progettazione definitiva avverrà già da luglio. Si tratta di un segnale forte per le popolazioni del Fortore che da anni vivono in uno stato di totale isolamento, e ancora una volta sottolinea l’attenzione del Governo verso i territori emarginati, per i quali si sta puntando ad uno sviluppo infrastrutturale e ad un piano per porre un freno alla desertificazione demografica. Il Fortore è una delle aree più incontaminate e suggestive del nostro Sannio ed è arrivato il momento che se ne programmi il rilancio economico-produttivo attraverso il miglioramento della viabilità e la realizzazione di collegamenti stradali che lo renderanno molto più accessibile”.



Articolo di Traffico & Trasporti / Commenti