Salute. Le persone con problemi del ritmo cardiaco dovrebbero evitare il caffè?

15:20:49 3918 stampa questo articolo
caffecaffe

I medici hanno generalmente consigliato ad alcuni soggetti (ad esempio: coloro che presentano ritmi cardiaci anormalmente accelerati o palpitazioni) di evitare il caffè e altre bevande contenenti caffeina; lo fanno perché la caffeina è uno stimolante e pertanto è teoricamente in grado di causare ritmi cardiaci anormalmente accelerati.

Un recente studio pubblicato sull’associazione tra consumo di caffè autoriferito e casi di ritmi cardiaci rapidi (tachiaritmie cardiache) ha riscontrato che, contrariamente alle aspettative della sapienza medica convenzionale, i soggetti che consumavano regolarmente caffè presentavano un numero leggermente inferiore di casi di battito cardiaco accelerato rispetto a quelli che non lo facevano.

Lo studio è stato accurato. I partecipanti allo studio sono stati monitorati nell’arco di un periodo medio di 4,5 anni e i ricercatori hanno controllato molti dei fattori che aumentano il rischio di battito cardiaco accelerato. Lo studio ha scoperto che le persone che bevono regolarmente caffè non avevano maggiori probabilità di avere ritmi cardiaci anomali, tra cui fibrillazione atriale e/o flutter atriale e tachicardia sopraventricolare. Naturalmente, questo tipo di studio non può dimostrare che il consumo di caffè protegga le persone dalle alterazioni del ritmo cardiaco.

I ricercatori non sono stati in grado di controllare variabili come le persone che segnalavano erroneamente l’assunzione di caffè, le persone che cambiavano la quantità di caffè che assumevano nel tempo, gli effetti di altre sostanze nel caffè o anche se si trattava delle tachiaritmie stesse che portavano le persone a bere meno caffè. D’altro canto, è improbabile che venga condotta una sperimentazione clinica randomizzata sul consumo abituale di caffè, quindi studi come questo sono i migliori a disposizione dei medici per orientare le raccomandazioni.

Altri studi non hanno dimostrato che il caffè predispone le persone alle tachiaritmie. Inoltre, questo studio si aggiunge a un ulteriore tipo di evidenze studiate solo di recente. I ricercatori hanno anche cercato di determinare se i fattori genetici che influenzano il modo in cui l’organismo elabora la caffeina influenzassero la possibilità che l’assunzione di caffè aumenti il tasso di anomalie del ritmo cardiaco. I ricercatori non hanno riscontrato alcuna relazione tra questi fattori genetici e le anomalie del ritmo cardiaco.

Sebbene questo studio abbia scoperto che le persone che bevono regolarmente caffè hanno una probabilità leggermente inferiore di avere anomalie del ritmo cardiaco, lo studio non dimostra che il consumo di caffè protegge le persone da questi problemi. Le persone che non bevono caffè o altre bevande contenenti caffeina non devono iniziare a berle nel tentativo di prevenire i problemi del ritmo cardiaco. Non bisogna aumentare il consumo di caffè per cercare di prevenire i problemi del ritmo cardiaco.

La probabilità che l’assunzione abituale di caffè aumenti la probabilità di alterazioni del ritmo cardiaco nella popolazione complessiva è bassa. Di conseguenza, sembra superfluo per le persone evitare di bere caffè a causa di questa preoccupazione. I risultati erano simili tra le persone già affette da problemi del ritmo cardiaco; tuttavia, le conclusioni sono meno certe in queste persone, ma solo perché non vi è molta evidenza accumulata in questo gruppo più piccolo.

Ciononostante, i medici potrebbero discostarsi dall’attuale raccomandazione che tutti i soggetti che hanno problemi del ritmo cardiaco evitino l’assunzione di caffè o caffeina e consiglino invece l’evitamento della caffeina per i soggetti in cui è stata stabilita una relazione tra assunzione e sintomi. I soggetti che nutrono preoccupazioni circa l’assunzione di caffeina, specialmente quelli che soffrono di problemi del ritmo cardiaco, devono parlarne con i medici prima di aumentare l’assunzione di caffeina.

L. Brent Mitchell, MD, Libin Cardiovascular Institute of Alberta, University of Calgary - Per gentile concessione di MSD Manual



Articolo di Salute / Commenti