Azienda sannita in corsa per aggiudicarsi i lavori di un tunnel in Trentino per un valore di 70 milioni di euro

16:1:4 15989 stampa questo articolo
Enzo Rillo con il presidente ANASEnzo Rillo con il presidente ANAS

Il consorzio Consorzio Stabile S.A.C Costruzioni scarl di Torrecuso, guidato da Enzo Rillo, realizzerà un tunnel tra passo San Giovanni e il Cretaccio in Trentino.

E' la S.A.C Costruzioni scarl di Torrecuso, che si aggiudicherà i lavori per realizzare in Trentino un tunnel tra passo San Giovanni e il Cretaccio, per un importo di di oltre 70 milioni di euro. La società sannita si è aggiudicata la gara in quanto unica azienda ad avervi partecipato. Erano quindici, inizialmente, le aziende - non solo trentine - che avevano dimostrato interesse, ma che alla fine hanno comunicato la rinuncia. 

Il Consorzio torrecusano, che è sul mercato dal 2016, è stato l’unico partecipante alla gara e con i requisiti necessari per la realizzazione di un'opera molto importante. Il consorzio è guidato dal costruttore sannita Enzo Rillo, e raggruppa tre aziende, Sicurbau srl, Alpin srl  e “Car Segnaletica Stradale srl che si sono aggiudicati importanti appalti, anche dell’Anas, negli ultimi anni.

I lavori del tunnel avevano una base d'asta che sfiora i 76 milioni di euro. Il Consorzio Stabile S.A.C Costruzioni scarl di Torrecuso ha già annunciato che in caso di aggiudicazione si costituirà con la «Martinelli & Benoni srl» di Ronzo Chienis. Nel raggruppamento temporaneo tra il Consorzio e l'azienda trentina, i sanniti avranno il ruolo di capogruppo. L'offerta economica del consorzio,  al ribasso del 12,049%, è ora sottoposta alla valutazione dei dirigenti.

La lunga procedura dell'iter d'esame prevede tre "buste" per ciascuna offerta. La prima busta, quella amministrativa, ha accertato i requisiti necessari ad eseguire i lavori, le attestazioni e le qualifiche imposte dalla norma. Una volta accertato che il Consorzio è in regola, si è proceduto all'apertura della busta tecnica, infine a quella economica. Nessun inghippo durante l'analisi della parte burocratica, così come anche per le specifiche tecniche, fanno sapere  dalla direzione della società sannita.

"Ora restano da completare le ultime verifiche tecniche" - dichiara Enzo Rillo - "ma si tratta di passaggi di routine dai quali non dovrebbero emergere sorprese". Le imprese che partecipano al raggruppamento temporaneo - si legge nel comunicato della Provincia Autonoma di Trento - detengono le esperienze professionali idonee alla realizzazione dell'opera. Nel loro curriculum risultano interventi su lavori importanti quali la linea ferroviaria Genova-Ventimiglia, l'Autostrada del Brennero e la tangenziale di Milano”.

"Grazie alla procedura di assegnazione automatica - conclude Rillo - a verifiche ultimate, si potrà procedere alla firma del contratto e alla consegna dei lavori che si prevede possa avvenire già nei primi mesi del 2018 secondo il programma stabilito. Non essendoci altre imprese concorrenti all'appalto non ci potranno neppure essere ricorsi".



Articolo di Industria / Commenti