Baselice, il 17 maggio ‘Manifesto delle Comunità dell’Appennino’ per lo Slow Food Day

16:13:9 2765 stampa questo articolo

In occasione dello Slow Food Day, sabato 17 maggio in piazza Fiorangelo Morrone - Convento, a Baselice, sarà presentato il "Manifesto delle Comunità dell’Appennino", nuovo progetto Slow Food. All'iniziativa saranno presenti il sindaco di Baselice, Domenico Canonico; il responsabile del progetto, Sonia Chellini, vice Presidente Slow Food Italia; il presidente della Comunità Montana del Tammaro, Antonio Di Maria; il presidente dell’Ordine degli Agrotecnici e Agrotecnici laureati di Benevento, Sandro Tiberini; il presidente dell’Università Popolare del Fortore, Carmine Agostinelli; il coordinatore del GAL Alto Tammaro, Massimo Di Tocco; il responsabile regionale del progetto Arca del Gusto, Giorgio del Grosso; Erasmo Timoteo referente delle Comunità di Terra Madre; il GAL Meridaunia; la Cooperativa agricola Lentamente. L’obiettivo della manifestazione è quello di far conoscere il progetto “L’Appennino che verrà” alle comunità locale e sottoporre, al mondo politico e alle istituzioni, il progetto per rilanciare l’area, che è al centro di un nuova idea di sviluppo locale legato al territorio. Il manifesto è stato elaborato in Romagna a novembre dello scorso anno e presentato in Umbria nel mese di febbraio 2014. “Alla base di questo progetto – ha spiegato Maria Grazia Marchetti, fiduciario della Condotta Tammaro Fortore - c'è la volontà di considerare una risorsa per il futuro quelle aree da sempre definite marginali e, con i consigli di chi vi abita, sviluppare anche un turismo consapevole, migliorare l’agricoltura ed individuare un nuovo ruolo per la promozione dei prodotti e dei territori, proponendo una nuova idea di montagna e di sviluppo, a partire dai temi dei giovani e del lavoro, più che mai attuali”. La giornata fortorina prevede il raduno alle 10 in piazza Convento da parte delle comunità di piccoli produttori e piccoli artigiani per la degustazione del latte nobile del Presidio Slow Food dell'Appennino Campano. Saranno esposti inoltre i prodotti dell’agricoltura familiare col il fine di rafforzare l’idea che sono proprio i contadini e i pastori i veri protagonisti dell’agricoltura familiare, tema anche dell'Anno Internazionale della Fao. Alle 11 i bambini della Scuola elementare “Padre Pio” leggeranno il manifesto “L'Appennino che verrà”. Tra gli eventi collaterali anche il censimento dei semi in via di estinzione a cura dell'Arca del Gusto e Suoni di Terra con il gruppo folk Murgantia. L'iniziativa della Condotta Tammaro-Fortore è sostenuta dal parroco di Baselice, don Michele Benizio e da tutta la comunità del centro fortorino.



Articolo di Fortore / Commenti