Benevento il derby e' tuo. Ceravolo e Falco piegano gli irpini - FOTO

14:39:0 3721 stampa questo articolo
Benevento - AvellinoBenevento - Avellino

L'Avellino cade nel derby mentre il Benevento con una prestazione dignitosissima conquista tre punti importantissimi in termni di classifica e scavalca il Cittadella portandosi al quinto posto. 

   

Crango
    Benevento Calcio Serie B
Venuti                Camporese   Lucioni                     Lopez

               Viola        Chibsah  
Ciciretti

Falco


Eramo

  Ceravolo    

Ardemagni
Eusepi 
Lasik


D'Angelo

         Omeonga
Moretti 
Perrotta                        Djimsiti
Jidayi Laverone


Radunovic   Avellino - calcio serie B

Il Benevento vuole riprendere il cammino, difendere un posto nei play off ma anche riscattarsi dalla bruttissima prestazione di Cesena e perché no, fare anche un regalo ai propri tifosi. L’Avellino invece dopo la grande rimonta avviata con l’arrivo di Novellino va a caccia della salvezza e mantenersi a distanza anche dalla zona rossa. Queste dunque le motivazioni che accompagnano il derby tra Benevento ed Avellino, il primo al “Vigorito” in serie cadetta. La truppa di Baroni vince una gara difficile contro un Avellino guardingo nella prima parte e sbarazzino nel finale che però non riesce nell’impresa. Meglio nel complesso il Benevento che domina letteralmente il match sia per conclusioni che per possesso. I giallorossi tornano a giocare come li si vedeva da tempo e conquistano una vittoria che li consente di invertire la rotta e di tornare al 5 posto e di scavalcare il Cittadella.

Le scelte

Baroni conferma il solito 4-2-3-1 con Cragno tra i pali, difesa composta da Venuti e Lopez esterni e Lucioni e Camporese centrali. In mediana spazio a Viola (Buzzegoli così come Melara e Bagadur è out) che fa coppia con un ritrovato Chibsah. Dietro all’unica punta, Ceravolo, pronti ad agire Ciciretti, Falco ed Eramo.

Novellino conferma il 4-4-2 inserisce Lasik e Omeonga a centrocampo e sposta Laverone sulla linea dei difensori (non c’è Gonzalez, nemmeno Belloni e Verde oltre allo squalificato Castaldo). In porta c’è Radunovic mentre la coppia d’attacco è formata da Eusepi e Ardemagni con Bidaoui pronto ad entrare a gara in corso.

La gara

Buon avvio di gara per il Benevento che nonostante il “peso” del derby sembra essere entrato in campo con maggiore convinzione. Al 3’ uno spunto di Falco prova a creare qualche problema a Radunovic ma il cross è lungo per tutti. Poco dopo il Benevento si ripete. Chibsah ruba palla e può ripartire palla a Falco che prova a servire Ceravolo ma è provvidenziale la chiusura di Jidayi. Il Benevento insiste e prova a sfondare sulla destra, sull’asse Ciciretti – Venuti che la mette al centro ma la retroguardia irpina si difende e libera l’area.

Anche l’Avellino si fa vedere dalle parti di Cragno – in fase di possesso però la truppa di Novellino tenta di abbassare i ritmi – pr ima con l’ex di turno Eusepi ma Viola è bravo a fermalo e poi con Ardemagni che però viene pescato in fuorigioco. Al 10’ Benevento pericoloso. Djimsiti atterra Falco al limite, Viola si incarica di battere il calcio piazzato che viene deviato in corner. Al 15’ è ancora Benevento. Jidayi scivola e ne approfitta Falco che apre per Ceravolo: scarico e apertura a sinistra per Eramo. Il cross dell’ex Samp è per Viola che tenta la deviazione ma Radunovic si salva. Al 17’ un tiro cross di Venuti diventa un assist per Eramo ma è ancora una volta bravo Radunovic in uscita ad annullare una possibile palla goal.

Con il passare dei minuti i ritmi si abbassano salvo poi riaccendersi improvvisamente al 26’ quando Ciciretti dalla distanza tenta la bordata che Radunovic respinge con qualche difficoltà. Al 29’ il Benevento va vicinissimo al vantaggio. Cross dalla sinistra Ceravolo prolunga verso Viola che si ritrova solo davanti a Radunovic ma il pipelet irpino compie un autentico miracolo.

Il Benevento gioca bene e sembra essere tornata la squadra pimpante e sbarazzina della prima parte di campionato e l’Avellino ha qualche difficoltà a contenere le folate giallorosse. Al 31’ Falco viene steso da D’Angelo e va lo stesso fantasista alla battuta con la palla che esce fuori di un soffio. Quello del Benevento è un assedio. Al 34’ invenzione di Falco per Ceravolo che attacca lo spazio e va alla conclusione e a salvare l’Avellino è ancora una grande risposta di Radunovic.

Al 38’ Avellino pericolosissimo. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Cragno esce e smanaccia, la palla arriva a Lasik che calcia di prima intenzione palla che poi si spegne sul fondo. Sul finire di frazione Baroni deve rinunciare a Ciciretti costretto ad uscire per un risentimento muscolare al suo posto entra Puscas. A questo punto Falco si allarga ed il Benevento passa al 4-4-2. Al 45’ percussione centrale di Chibsah che poi calcia, il tiro viene deviato e si spegne sul fondo.

La ripresa inizia così come si era concluso il primo tempo, ovvero con il Benevento padrone del campo e alla ricerca del vantaggio. Al 50’ il cross di Falco dalla destra è una pennellata per Ceravolo che di testa non sbaglia ed il Vigorito esplode di gioia. Novellino dopo il goal tira fuori dalla contesa Lasik ed inserisce Bidaoui ma è il Benevento al 55’ a sfiorare il raddoppio con la conclusione di Falco, su assist di Ceravolo, deviata in corner da Radunovic. Al 58’ si fa vivo anche l’Avellino con Bidaoui che ne semina due entra in area e calcia ma Cragno respinge, palla che resta viva ma la seconda conclusione degli irpini viene respinta dalla difesa sannita.

Al 60’ un ispirato Falco, sempre dalla destra, mette al centro un cross all’indirizzo di Puscas ma Djimsiti di testa anticipa l’attaccante rumeno e mette la palla in calcio d’angolo. La replica dei bianco - verdi arriva al 63’ ed è affidata a Bidaoui che sfrutta una respinta di Cragno su calcio di punizione – fallo di Lopez su Ardemagni – ma il tiro viene però bloccato dall’estremo difensore giallorosso. Il raddoppio arriva al minuto 66’ quando Omeonga compie un errore in disimpegno e ne approfitta Falco che poi entra in area e beffa Radunovic. Questa però la reazione degli ospiti c’è ed è forte. Al 69’ Bidaoui serve l’inserimento di Eusepi sul secondo palo che calcia ma è bravo Pezzi a chiudere in corner. Proprio su corner battuto da Moretti, arriva il contro cross di Laverone che trova pronto Eusepi che rimette l’Avellino in partita. A questo punto Baroni si copre inserendo Gyamfi al posto di Ceravolo con il Benevento che tenta di controllare la gara anche se l’Avellino spinge e lo fa anche in maniera pericolosa come quando in pieno recupero Djimsiti su cross di Bidaoui sfiora il 2 a 2. Ma poco prima all’84’ era stato Viola a spaventare ulteriormente gli irpini ma la botta dalla distanza era stata ben controllata da Radunovic. A pochi istanti dalla fine è ancora poi Chibsah a rubare l’ennesimo pallone della partita e a partire in velocità, l’apertura verso Falco che poi serve Puscas ma il rumeno inciampa e l’azione del possibile 3 a 1 sfuma clamorosamente.

Finisce qui, con il Benevento che vince una gara difficile ma che ha dominato dall’inizio a fine mostrando anche bel gioco e solidità difensiva. Un Avellino troppo remissivo nel primo tempo ed arrembante ne finale non riesce nell’impresa e dovrà lottare ancora per conquistare la salvezza. Il Benevento invece con questa vittoria si rilancia, scavalca il Cittadella e si riprende il 5 posto salendo a quota 58 punti. Sabato 6 maggio alle 15.00 i sanniti saranno invece di scena ad Ascoli.

Il tabellino

Benevento Calcio(4-2-3-1)
: Cragno; Venuti, Camporese, Lucioni, Lopez(64’ Pezzi); Viola, Chibsah; Ciciretti(43’ Puscas), Falco, Eramo; Ceravolo(75’ Gyamfi). A disposizione: Gori, Del Pinto, Pajac, Padella, De Falco, Matera. All. Baroni.

US Avellino(4-4-2): Radunovic; Laverone, Jidayi(64’ Asmah), Djimsiti, Perrotta; D’Angelo, Moretti, Omeonga, Lasik(51’ Bidaoui); Ardemagni, Eusepi(76’Camarà). A disposizione: Lezzerini, Iuliano, Migliorini, Soumarè, Paghera, Solerio. All. Novellino.

Arbitro: sig. Rosario Abisso di Palermo.
Assistenti: sig. Daniele Bindoni di Venezia e sig. Marco Zappatore di Taranto.
IV Uomo: sig. Matteo Proietti di Terni.

Marcatori: 50’ Ceravolo(B), 66’ Falco(B), 70’ Eusepi(A)
Ammoniti: 31’ D’Angelo(A), 33’ Eusepi(A), 68’ Djimsiti(A), 72’ Lucioni(B), 76’ Puscas(B), 78’ Asmah(A), 83’ Moretti(A), 85’ Viola(B).
Angoli: 7 a 3.
Fuorigioco: 1 a 3.
Recupero: 1’pt, 4’st.

Michele Palmieri



Articolo di Serie B / Commenti




" data-width="670" data-numposts="7">