Biotestamento. Intervista all'esponente radicale Marco Cappato

Abbiamo raggiunto il radicale Marco Cappato protagonista della battaglia per la legge sul biotestamento.

Marco Cappato cosa risolve la legge appena approvata sul biotestamento?

Risolve la richiesta di tutti i malati che dipendono da una terapia o che sono attaccati a una macchina che vorrebbero interrompere quella terapia anche se questo dovesse portare alla loro morte ma lo volessero fare senza soffrire e quindi poter essere sedati per interrompere le terapie, con questa legge avranno il diritto di farlo

Secondo lei nella legge è chiaro il confine fra la scelta di morire per gravi questioni sanitarie e la liceità della buona morte per tutti?

La legge parla della liceità dell' interruzione delle terapie quindi in questo è molto chiara e non c'è equivoco. Noi come associazione Luca Coscioni, come radicali siamo anche a favore della legalizzazione dell'eutanasia ma con questa legge se una persona non è dipendente da un trattamento salvavita non puo' ovviamente ottenerne la sospensione quindi la morte, attraverso la sospensione. Quindi quelle tipologie, quei casi non sono previsti da questa legge

Dal punto di vista squisitamente morale, forse anche filosofico, lei è convinto che l'uomo possa sempre decidere della sua vita?

Sì, sicuramente dopo aver verificato con molta attenzione e cautela la capacità di intendere e di volere e anche il fatto di aver ricevuto assitenza e cure adeguate e quindi non ci sia una condizione psicologica di abbandono o di sconforto momentaneo dopodichè verificate queste condizioni l'unica persona che può prendere la decisione finale è il paziente stesso in particolare se è sottoposto a sofferenze insopportabili all'interno, nel quadro di una malattia irreversibile, ecco in questo caso mi sembra proprio una tortura immaginare che quella condizione possa essere imposta dallo Stato o da chiunque altro.

Paolo A.Valenti (euronews)


15:6:17 2973 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa