Brexit: Londra propone unione doganale a tempo

Il Regno Unito pensa a una temporanea unione doganale con l’Unione Europea e chiede di negoziare altri accordi commerciali.

Obiettivo secondo Londra: “prevenire il caos dei confini dopo la Brexit”. Il ministro responsabile, David Davis, ha chiesto in sede di negoziati a Bruxelles un periodo di transizione per permettere alle imprese di abituarsi gradualmente al nuovo regime che verrà istituito una volta completata l’uscita di Londra dall’Unione. Gli accordi temporanei potrebbero permettere al Regno Unito di negoziare intese commerciali con altri Paesi. I dettagli relativi a questa proposta e ad altre saranno contenute all’interno dei “Future Partnership Papers”, documenti nei quali Londra spiegherà in dettaglio i suoi obiettivi per la futura relazione con l’Ue. Così David Davis: “Credo che il nostro nuovo sistema doganale sarà pronto per il 2019, l’altra faccia della medaglia è che anche altri paesi dell’Unione devono organizzarsi per mettere a punto il loro sistema doganale, con nuove leggi e così via. L’ideale sarebbe che in questa limitato periodo di tempo ci si metta d’accordo per misure temporanee, qualcosa che è positivo per gli affari europei e britannici”. Bruxelles ha invece risposto che le priorità sono altre: la Brexit, i diritti dei cittadini europei e i confni con l’Irlanda. Solo dopo aver discusso e risolto questi punti si potrà discutere di accordi commerciali.


19:3:22 1967 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa