Camorra e movida napoletana: arrestati i fratelli Esposito, gli imprenditori amici dei vip

In manette sono finiti i noti imprenditori Esposito accusati di intestazione fittizia di beni con l'aggravante di aver commesso il fatto per agevolare i clan Contini e Sarno. . Sequestrata anche la nota discoteca Club Partenopeo frequentata da personaggi dello spettacolo e dai giocatori del Napoli.

A conclusione di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, personale del Centro Operativo D.I.A., ha eseguito questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di tre fratelli residenti a Posillipo, noti imprenditori nel settore della commercializzazione e distribuzione di giocattoli in ambito nazionale, con interessi anche nel settore delle agenzie di scommesse, della ristorazione ed in un noto locale pubblico di Coroglio Club Partenopeo presso il quale vengono organizzate serate danzanti ed eventi musicali. Si tratta dei fratelli Esposito Gabriele, Giuseppe e Francesco amici di molti personaggi dello spettacolo e di alcuni calciatori del Napoli Calcio.

La misura cautelare riguarda anche le mogli di due degli imprenditori Teresa Esposito e Carmela Russo eDiego La Monica ritenuto prestanome. Gli arrestati sono gravemente indiziati di intestazione fittizia di beni con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare le attività dei clan camorristici Contini e Sarno.

La Dia di Napoli ha eseguito anche il sequestro di numerose attività commerciali, in particolare depositi e negozi per la commercializzazione e distribuzione di giocattoli (“New Toys”) ubicati a Napoli, in provincia e nel casertano, un bar-ristorante in zona Chiaia (“Sand-Sandwiches bar and more”), un’agenzia di scommesse nella zona centrale di Napoli (piazza Mercato) ed una nota discoteca nella zona di Coroglio (“Club Partenopeo”) dove la scorsa settimana il portiere del Napoli, Pepe Reina aveva organizzato una festa per l’addio ai compagni di squadra, prima del suo trasferimento al Milan.

«I fratelli Esposito – hanno sottolineato gli investigatori - grazie al loro elevato tenore di vita, frequentavano assiduamente calciatori della squadra del Napoli, nonché soggetti legati alla criminalità organizzata, con i quali non solo condividevano il tempo libero organizzando scommesse su partite di calcio, viaggi e serate nei più noti locali di Napoli venendo in contatto anche con gente del mondo dello spettacolo, ma dalla cui amicizia traevano anche benefici».


 


11:16:16 11227 stampa questo articolo


  • Covid. Il Premio Nobel Parisi riceve la terza dose: "Il vaccino è sicuro, la paura è irrazionale"
  • No Green Pass. In migliaia a Milano : "Trieste chiama noi rispondiamo"
  • Roma. #Maipiùfascismi, la manifestazione si chiude con "Bella Ciao"
  • Green Pass. Come funziona in Europa? Serve in Francia e Belgio; si pagano i tamponi
  • Roma. In 200.000 contro tutti i fascismi
  • Venezia. Caro bolletta energetica: le botteghe dei vetrai di Murano rischiano di chiudere
  • A 90 anni il "Capitano Kirk" raggiunge lo spazio con la capsula Blue Origin
  • L'ultimo giorno di voli per Alitalia: finisce un'era durata 74 anni
  • Roma. Cinema: è "Festa" con il Papa, Tarantino e Tim Burton
  • Roma. Assalto alla CGIL: anche Roberto Fiore (Forza Nuova) tra gli arrestati
  • Green Pass. Nuove regole per il pubblico impiego, privati e liberi professionisti
  • Milano. Film proiettati sulle saracinesche: così si torna a ridere dopo il virus
  • Energia. L'impennata dei prezzi del gas destabilizza l'economia mondiale ma c'è interesse a calmierare
  • Napoli. Alla mostra di Capucci abiti d'alta moda e documenti storici
  • Napoli. Prove per gli addobbi natalizi con Babbo Natale in piazza Vittoria: rimosso in un giorno tra le polemiche
  • Jovanotti, fuoriprogramma all'evento Ieo contro i tumori al seno: sul palco canta 'Bella'
  • Scuola, Bianchi: "Pronti 5 miliardi di euro dal PNRR. 3 miliardi per gli asili nido"
  • I venti italiani che hanno vinto il premio Nobel: da Giosuè Carducci a Giorgio Parisi
  • Nobel: un orgoglio per l'Italia e il mondo della ricerca chiede più aiuti
  • Petrolio alle stelle: il costo del Brent supera gli 80 dollari al barile
  • Clima. Al via a Milano la Youth4Climate
  • Il ritorno di Cannavaro: "Basta Cina ora sono qui e cerco una panchina in Italia, anche in serie B"
  • Covid. Nuovi limiti di capienza per cinema, teatri e stadi suggeriti dal CTS al Governo
  • Roma. Festa delle 7 Arti, a Corviale, per salvare il teatro