Benevento Campo Hobbit, Biele: 'Il Fascismo fu uno strumento moderno'

16:28:39 1068 stampa questo articolo

Achille Biele, direttore responsabile del quattordicinale “Benevento”, ha scritto una lettera aperta al sindaco di Benevento Fausto Pepe (nella foto) e all’assessore alla Cultura Raffaele Del Vecchio per rispondere alle affermazioni contenute nella missiva inviata all’Amministrazione Comunale da un gruppo di 60 tra cittadini, politici ed associazioni.
Dopo aver ricordato che l’arcipelago della sinistra è in crisi, Biele ha invitato tutti a considerare l’antifascismo un patrimonio del passato e ha difeso la scelta di celebrare nel capoluogo sannita l’anniversario del primo campo Hobbit che si tenne trent’anni fa a Montesarchio.

“All'appuntamento organizzato da questo giornale – ha dichiarato il giornalista - hanno spedito adesioni uomini e donne, movimenti e partiti, associazioni e gruppi che in vario modo si richiamano alla socializzazione, all'antiglobalizzazione, alla rifondazione dello scassatissimo sistema istituzionale sociale economico e politico italiano, ma - ed è questo il punto - non lo fanno in omaggio al marxleninismo e/o alle mille derivazioni fino all'anarchia regicida.

Coloro che parteciperanno al dibattito-incontro a Benevento sono alla ricerca di strumenti attuali per risolvere problemi attuali ben sapendo che il Fascismo fu uno strumento moderno nei tempi nei quali si manifestò e sapendo ancora meglio che come tutti gli strumenti politici non è perfetto. Se davvero c'è qualcuno convinto che a Benevento arriveranno persone decise a fare la guerra agli americani o agli israeliani etc, etc. per favore – ha concluso - si faccia curare prima di diventare pericoloso per sé e per gli altri”.

Notizia Correlata: Lettera dei cittadini: no alla Casa della Cultura per convegno su Campo Hobbit



Articolo di / Commenti