Canovi: "Bucchi?Soluzione valida per il dopo De Zerbi. Per Sandro molte richieste, ma potrebbe anche restare"

13:42:25 5908 stampa questo articolo
Simone Canovi. Foto: centrosuonosport.itSimone Canovi. Foto: centrosuonosport.it

Simone Canovi, agente Fifa, figlio dell’avvocato Dario Canovi, tra i più importanti procuratori di calciatori, tra cui Paulo Roberto Falcao, Toninho Cerezo, Karl-Heinz Rumenigge e Alessandro Nesta, è stato interpellato dal nostro giornale, al quale ha rilasciato alcune dichiarazioni sul mercato del Benevento.

Si parte dalla soluzione Bucchi per il dopo De Zerbi: “La soluzione Bucchi credo che sia più che valida. Si proseguirebbe sulla falsa riga di De Zerbi. Si tratta di un allenatore con idee, che cerca di fare calcio e imporre il proprio gioco. Non ho grossi dubbi che possa fare bene a Benevento. La società credo che abbia dimostrato di saper fare le cose in una certa maniera. Prendere Bucchi significa avere un altro allenatore con un curriculum di tutto rispetto e di spessore”

“Sull’addio di De Zerbi credo che abbia influito qualche club alle spalle. Anche quando era a Foggia, nonostante la promozione, decise di andare via lo stesso. Credo che dietro avesse qualche offerta. L’ipotesi Sassuolo non mi stupirebbe, visto che si tratta di una società che segue direttive ben precise. De Zerbi rispecchia quello che è il diktat di questa società. Secondo me ci può stare. Anche se non so se si possa parlare di una possibilità concreta".

Partiranno molti big, è vero, ma potrebe esserci qualche piacevole sorpresa: "Per quanto riguarda Sandro, credo che la possibilità di restare in Italia sia concreta. Non escludo che possa restare a Benevento. Tutti i giocatori che sono venuti a gennaio mi sembra che abbiano dichiarato di essersi trovati in maniera stupenda. Club di serie a interessati a Sandro ci sono. Sull’interesse della Fiorentina non saprei. Quella viola sta cercando calciatori più giovani. Ci credo relativamente”.

“Rispetto a Sandro le possibilità che Sagna possa restare sono comunque più alte. Brignola, invece, è un calciatore sotto contratto con il Benevento. Nel caso specifico  credo sia più un discorso legato alla possibilità di giocare. Quella che è sempre importante è il tipo di offerta che verrà recapitata alla società. Dare una corretta valutazione economica al calciatore non credo che  in questo momento sia giusto. Nel tempo dovrà mostrare quanto di buono ha fatto vedere finora”.

In conclusione, l'agente Fifa ha anche parlato anche dell'arrivo di Ancelotti a Napoli: "E' stata una mossa intelligente per far digerire alla piazza la partenza di Sarri. E’ un bel segnale. Ancelotti è uno di quei allenatori ai quali i calciatori difficilmente dicono di no”.

Non dobbiamo aspettarci nomi del calibro di Vidal e Benzema: "Hanno degli ingaggi altissimi. Non mi aspetto che il Napoli cambi la sua filosofia di gestione societaria. Sono dei nomi di grandissimi calciatori che non rispecchiano il modus operandi adottato dal Napoli fino ad oggi”.

E’ più lecito attendersi profili tipo Dembele“Probabilmente sì”. Simone Caovi, infine, considera ininfluente la possibile partecipazione dell’Adidas negli investimenti di mercato: “Non credo che lo sponsor tecnico possa incidere sulle operazioni di mercato. E’ più un vanto. Credo che influisca poco. Non mi aspetto che il presidente si sveni”.

Claudio Donato



Articolo di Calcio / Commenti