Caserta, scoperto laboratorio odontoiatrico abusivo. Denunciate tre persone

La Guardia di Finanza di Capua, al termine di una serie di controlli finalizzati al contrasto all’abusivismo professionale e commerciale, ha scoperto uno studio odontotecnico non autorizzato nella frazione di Sant’Angelo in Formis.

Lavoravano e producevano protesi dentarie in assenza di qualsiasi autorizzazione sia amministrativa che sanitaria. E' quanto scoperto dai finanzieri in un laboratorio di Sant’Angelo in Formis  a Capua.

Il locale, risultato in piena attività e provvisto anche di una sala d’attesa, era dotato di numerose attrezzature e materiale necessario alla realizzazione di calchi e protesi dentarie, alcune già pronte per essere consegnate ai committenti.

Il titolare, che si avvaleva della collaborazione di due dipendenti risultati completamente “in nero”, non è stato in grado di fornire alcuna documentazione fiscale giustificativa dell’attività svolta. Emergeva, in maniera palese, che il predetto era sprovvisto di partita Iva e totalmente sconosciuto al Fisco, operando da diversi anni quale evasore totale.

A tal proposito, le Fiamme Gialle hanno reperito copiosa documentazione, che sarà oggetto di analisi per i successivi approfondimenti di natura fiscale, finalizzati alla ricostruzione del volume d’affari. 

I tre responsabili sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, in quanto, in concorso tra loro, esercitavano l’attività ausiliaria delle professioni sanitarie consistente nella fabbricazione di protesi dentarie e dispositivi medici creati su misura, in violazione delle
specifiche normative vigenti in materia.

Oltre alla denuncia per esercizio abusivo, ai tre soggetti sono state contestate anche violazioni delle norme igienico-sanitarie, per le pessime condizioni in cui erano tenuti i locali e le protesi, nonché per aver smaltito rifiuti speciali senza le previste modalità. Il laboratorio, unitamente alle sofisticate attrezzature per un valore di oltre 30 mila euro, è stato sottoposto a sequestro.


10:26:45 4914 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa