Caserta. Sequestrato impianto GPL irregolare, denunciati i due titolari

10:36:19 4188 stampa questo articolo
Caserta. Sequestrato impianto GPL irregolareCaserta. Sequestrato impianto GPL irregolare

La Guardia di Finanza ed i Vigili del Fuoco di Caserta hanno concluso, nella giornata di ieri, un controllo in materia di commercializzazione del GPL per autotrazione, sottoponendo a sequestro in Succivo (Caserta), un distributore stradale che non operava in condizioni di sicurezza.

L'impianto sequestrato, situato nelle immediate adiacenze della SS.7bis - una tra le più rilevanti vie di comunicazione della Provincia di Caserta ad elevata densità veicolare -  è scaturito a seguito di un controllo fiscale avviato da parte del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta nei confronti della società proprietaria del distributore, al fine di verificare il regolare assolvimento delle accise sui prodotti energetici.

Nel corso dei controlli, le Fiamme Gialle hanno riscontrato che l’impianto (composto da un serbatoio di GPL e da una colonnina provvista di 2 erogatori) era privo del prescritto certificato di prevenzione incendi e che i titolari non avevano provveduto alle comunicazioni di legge sulla detenzione di materie esplodenti, infiammabili e pericolose. Le fiamme gialle hanno quindi rihiesto l’intervento del personale tecnico del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Caserta ed è stato poi sottoposto a sequestro l’intero impianto di distribuzione nonché un’autocisterna della capacità di 14.500 litri a questo illegalmente collegata al fine di ampliarne notevolmente la capacità complessiva di stoccaggio del GPL.

I due amministratori della società titolare del distributore sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Napoli Nord per le violazioni della normativa in materia di prevenzione incendi e per l’omessa denuncia di materie esplodenti.

Dal comando della Guardia di Finanza di Caserta fanno sapere che anche nei prossimi mesi continuerà la fattiva collaborazione e la sinergia operativa con i Vigili del Fuoco, combinando i controlli in materia fiscale con quelli finalizzati alla verifica del rispetto della normativa sulla sicurezza degli impianti.



Articolo di Caserta / Commenti