Cisl Irpinia Sannio alla ricerca dell'unità sindacale: "Governo sordo al confronto"

16:21:27 1052 stampa questo articolo
Mario Melchionna CislMario Melchionna Cisl

Il Consiglio Generale della CISL IrpiniaSannio si è riunito ieri, presso la Sala Congressi del “Bel Sito Hotel Le Due Torri”, a Manocalzati.

L’importanza dell’azione sindacale unitaria è il messaggio forte che emerge dal Consiglio CISL, come sottolineato durante i lavori dal Segretario Generale Cisl IrpiniaSannio Mario Melchionna. “Il Governo, gli imprenditori ed i lavoratori devono fare squadra. Ma questo si fa con il dialogo con i corpi sociali, riconoscendo il ruolo delle rappresentanze di imprese e sindacati e concordando insieme gli obiettivi economici e gli strumenti per favorire la crescita e la competitività del sistema produttivo italiano", ha sottolineato la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan.

“Occorrono interventi che rilancino il lavoro e rispondano ai bisogni sociali - dichiara Mario Melchionna che ciarisce come - “non siano previste misure né per il rinnovo dei contratti né misure complessive per migliorare il sistema e contrastare l’esclusione, pur essendo l’istruzione, la formazione e la ricerca centrali per lo sviluppo e per rispondere alle disuguaglianze sociali. Non c’è sviluppo equo e sostenibile senza coesione sociale e senza un sostegno strutturale alle famiglie. Per contrastare la povertà occorre mettere in campo un sistema complesso che preveda strumenti di natura economica e il rafforzamento delle reti sociali a partire dalla sanità”.

Per Melchionna si deve aprire una fase nuova di attiva collaborazione con le Parti sociali. Per i sindacati sono fondamentali gli investimenti, l’accelerazione delle opere, l’opera di risanamento e manutenzione del territorio, le assunzioni nella Pubblica Amministrazione attraverso il tanto atteso turn over. Nella nella legge di bilancio 2019 – sottolinea il sindacalista - “non vi è traccia di alcun provvedimento indirizzato alla Regione Campania, assolutamente abbandonata a se stessa”.

Reddito di cittadinanza e quota 100 sono due misure che riguardano 5 milioni di persone in condizione di povertà e un milione di persone che potranno andare in pensionamento anticipato. “In totale- prosegue Melchionna saranno un milione e 437mila le famiglie a essere interessate dal provvedimento assistenziale, il 47% delle quali residenti nel Centro-Nord e il 53% invece al Sud e nelle Isole. Prima regione la Campania.

Secondo le stime, dovrebbero essere oltre 390.000 le famiglie che potrebbero beneficiare del reddito di cittadinanza, il 23% di tutti i nuclei familiari che riceveranno l'assegno in Italia, per un contributo complessivo di circa 3,1 miliardi di euro. Ad Avellino circa 31.000 e a Benevento circa 25.000. Rispetto alla ripresa dell’occupazione, l’intensità della crescita occupazionale in Campania appare comunque insufficiente per colmare il crollo dei posti lavoro avvenuto nella crisi che, risulta caratterizzata da una crescente precarietà.

Un dato su tutti: negli ultimi 16 anni hanno lasciato il Mezzogiorno 1 milione e 183 mila residenti, la metà giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni, quasi un quinto laureati; il 16% circa si sono trasferiti all’estero, quasi 800 mila di essi non sono tornati. Abbiamo raggiunto livelli record di disoccupazione: in Campania 33,1% , ad Avellino 14,5% e giovanile 54,5% a Benevento 24,9% e giovanile 57,1% .

Per Melchionna manca una strategia complessiva di sviluppo, uno sguardo più aperto al futuro, in grado di riconoscere e affrontare le nuove sfide. “Non possiamo deludere le aspettative dei giovani del meridione che credono in un futuro di crescita. In Irpinia e nel Sannio vivono al contrario nell’incertezza e ancor peggio nell’assistenzialismo. Bisogna essere in sinergia con tutti gli attori del territorio, istituzionali e non per promuovere lo sviluppo e il progresso del nostro territorio considerato ancora entroterra, zona interna”.

Secondo il Segretario Generale della Cisl Campania Doriana Buonavita per vincere la sfida per il lavoro, la crescita e l' occupazione, l' unica strada è il confronto responsabile tra istituzioni, politica e parti sociali. Da tempo la Cisl rivendica un "accordo sociale" a tutti i livelli che richiami ciascuno alle proprie responsabilità nella costruzione di risposte possibili e in tempi certi. “Urgono scelte concrete che favoriscano la crescita economica e potere d'acquisto delle famiglie campane – sottolinea - intervenendo con risposte locali che riteniamo possibili soprattutto alla luce delle criticità del decretone su Reddito di cittadinanza e quota 100. Confidiamo molto per questo sulla ripresa di un dialogo con la Regione, puntando al dialogo ed al confronto su tutte le scelte a partire da un piano per il lavoro per tutti, soprattutto per coloro che non beneficeranno del reddito di cittadinanza e per le famiglie che potranno non vedere più soddisfatte le loro esigenze. Bisogna restituire un senso al futuro delle persone” conclude Buonavita.

Il Segretario Generale Aggiunto Cisl Nazionale Luigi Sbarra, a conclusione dei lavori, ha sottolineato la chiusura del Governo al dialogo e alla condivisione su alcuni temi. “Oggi – dichiara - sarebbe il tempo di costruire, attraverso la concertazione, un nuovo e moderno patto sociale per l’economia, la crescita, il lavoro. Vediamo invece un tentativo di chiudersi e di evitare qualsiasi confronto. Abbiamo chiesto al presidente del Consiglio di acquisire le proposte della nostra piattaforma unitaria per cambiare la legge di bilancio, ma abbiamo visto che nulla di tutto questo si è realizzato”.

Sbarra rivendica - grazie alle pressioni della Cisl - il risultato della proroga della cassa integrazione straordinaria nelle aree di crisi complesse, consentendo di superare i limiti di durata introdotti dal Jobs Act. “È stato prorogato, come da noi chiesto, il bonus Sud – spiega – che si affianca all’incentivo all’occupazione giovanile reso strutturale dalla legge di bilancio dello scorso anno. Far ritornare in agenda il tema della ricostruzione di un percorso di unità sindacale è importante - prosegue Sbarra- questo percorso deve partire dal basso, contaminare i luoghi di lavoro, parlare alle persone e ai sentimenti delle persone, e dal basso spingere verso l’alto. Abbiamo indicato le nostre priorità: infrastrutture, politiche industriali, riforma fiscale, Mezzogiorno, ammortizzatori sociali, investimenti nella scuola e nella formazione, ma non vediamo nulla di tutto questo, e i tavoli che ci avevano promesso non si aprono. Ecco perché torniamo in piazza per chiedere una svolta vera nella politica economica e finanziaria del governo”.

La Segretaria Generale Cisl Nazionale Annamaria Furlan ha invitato infine iscritti e cittadini a partecipare alla ‘manifestazione nazionale unitaria CGIL CIL e UIL’ che si terrà a Roma il prossimo 9 febbraio per rivendicare le priorità del Sindacato contenute nella Piattaforma unitaria.



Articolo di Sindacati / Commenti