Confindustria. Obiettivo: destinazione turistica per il Sannio. Intervista a Fulvio De Toma

Uno studio congiunto tra Confindustria Benevento e l'Università Telematica Giustino Fortunato per individuare gli attrattori turistici del Sannio, quelli che i turisti apprezzano e sui quali vale la pena puntare per potenziarne le potenzialità, questa la filosofia che muove Confindustria.

Il Sannio raccoglie appena lo 0,5% del turismo in Campania. Si comprende quindi quali possibilità di sviluppo potrebbe avere. Il problema è che il pubblico si limita a pochi e sporadici eventi e non programma nel lungo periodo. I privati ci sono e lavorano nel settore - conferma il presidente della Sezione Turismo e Tempo Libero di Confindustria Benevento, Fulvio De Toma - ma hanno bisogno che si sviluppi un flusso turistico adeguato. Per questo l'intera filiera deve fare rete e mettere in vetrina il Sannio, entrare nell'ottica di vendita e progettare infine l'industria turistica.

Quale soluzione allora? Lo studio individua e delinea una nuova proposta identitaria su cui concentrare gli investimenti pubblici e privati, come spiega meglio nell'intervista il presidente della sezione Turismo di Confindustria Benevento, Fulvio De Toma.

Un po' di dati

Seppur è vero che le presenze di turisti nel Sannio non sono significative (0,5%), ma nel 2017 è stato registrato un incremento percentuale del 18,2% rispetto all'anno prima, contro il +2,9% registrato dalla Campania (da 77.825 a 92.012 presenze). Gli attrattori spaziano da quelli storico culturali (con monumenti come Arco Traiano, Santa Sofia, Teatro Romano e Museo del Sannio), agli attrattori naturalistici e termali (terme e lago di Telese, oasi WWF a Pannarano). Spiccano poi gli attrattori religiosi (con Pietrelcina e la Via Francigena), non mancano attrattori ludico sportivi (Raduno delle Mongolfiere, Trofeo Città di Telesia e Tlesia Half Marathon), oltre al turismo enogastronomico.

Date queste premesse, si evince facilmente quanto potrebbe significare, in termini di occupazione e sviluppo, indirizzare positivamente gli investimenti nel settore per farlo crescere in modo programmato. Lo studio sarà presentato il 3 giugno presso il Complesso San Vittorino, alle ore 15:00.

Notizia correlata

Studio Confindustria, "Il Sannio: da territorio a destinazione"


8:42:30 4555 stampa questo articolo


  • Covid-19: Raggiungeremo l'immunità di gregge?
  • Cosa c'è da sapere sul vaccino Johnson & Johnson. In arrivo in Italia
  • L'eroe russo Yuri Gagarin: 60 anni fa la sua missione spaziale
  • Carbonara Day: le variazioni della ricetta che non si possono accettare
  • Coronavirus. Nuove misure in Europa per arginare il virus
  • Domenica delle Palme. Papa Francesco: "Recuperare la capacità di stupirsi"
  • "L'Ora della Terra", 60 minuti al buio per riflettere sulla crisi climatica
  • Immunità di gregge senza vaccini impossibile e pericolosa
  • Napoli. Rapinato del rolex insegue e sperona i ladri in fuga
  • Palermo, sciopero dei rider. Cgil: "Un successo, quasi nessun ordine in città"
  • Ora legale: pro e contro secondo medico ed economista
  • Sciopero Amazon, si fermano i corrieri: "Tempi disumani, si pretendono consegne ogni tre minuti"
  • Vaccino: l'Ue minaccia Astrazeneca per il ritardo nelle consegne
  • Dall'Inghilterra alla Germania, si allarga la protesta contro il lockdown in tutta Europa
  • Due nomination europee per gli Oscar ai film d'animazione
  • Il cinema italiano e la voglia di ripartire in mostra al Filming Italy di Los Angeles
  • Covid-19: terapie intensive sotto stress in Italia, 12 regioni sopra il 30%
  • Il 18 marzo è ormai il giorno della memoria per le vittime del Covid-19
  • Vaccini: la paura razionale, la paura irrazionale
  • AstraZeneca: Francia, Germania e Italia ripartono subito. Spagna più cauta
  • AstraZeneca, Locatelli "25 casi su 20 milioni di vaccinati, il Covid è più pericoloso"
  • "Nel blu dipinto di blu" nella Lingua dei segni. Iniziativa degli studenti bolognesi del Salvemini
  • Bergamo. Draghi: "Non accadrà più che le persone fragili non vengano assistite e protette"
  • Covid. I familiari delle vittime esclusi dalla commemorazione a Bergamo: "Basta passerelle"