Caso Salis: un anno di detenzione in Ungheria. Polemiche per le modalità che negano la dignità umana

11:20:22 2544 stampa questo articolo
Giorgia Meloni e Viktor Orban (foto di Archivio)Giorgia Meloni e Viktor Orban (foto di Archivio)

Tajani protesta per vie ufficiali, Meloni chiama Orban - La detenzione di Ilaria Salis scuote le relazioni tra Italia e Ungheria.

Ilaria Salis, cittadina italiana, è al centro di una controversia internazionale che ha messo in discussione le relazioni diplomatiche tra Italia e Ungheria. Detenuta in Ungheria da quasi un anno, la giovane è comparsa in tribunale a Budapest in condizioni apparentemente difficili, con catene ai polsi.

Il padre, Roberto Salis, ha espresso la sua indignazione dichiarando: "È trattata come un animale, e l'Italia non ha fatto niente per garantire giustizia e dignità a sua figlia". Le sue parole hanno suscitato una serie di reazioni da parte dei politici italiani, alimentando una polemica che coinvolge anche l'ambasciatore italiano a Budapest.

Il caso ha assunto proporzioni politiche quando Antonio Tajani ha dichiarato: "Solo proteste con l'Ungheria possono portare alla luce la verità su quanto accaduto a Ilaria Salis". Dall'altra parte, Giorgia Meloni ha deciso di chiamare direttamente il primo ministro ungherese, Viktor Orban, per sollecitare una risposta ufficiale sul trattamento della giovane italiana.

L'ambasciatore italiano a Budapest ha intrapreso azioni diplomatiche parlando direttamente con il ministro della Giustizia ungherese per ottenere chiarimenti sulla detenzione di Ilaria Salis. Tuttavia, la situazione rimane tesa, con il governo italiano che chiede risposte concrete e l'Ungheria difendendo la propria gestione del caso.

Mentre le indagini sulla detenzione di Ilaria Salis proseguono, la comunità internazionale osserva da vicino, con la speranza che una soluzione equa possa essere raggiunta per tutti gli interessati. In un momento in cui i legami diplomatici sono messi alla prova, il Caso Salis rappresenta una sfida significativa per la diplomazia europea.

La detenzione prolungata di Ilaria Salis è una vicenda preoccupante che solleva interrogativi sulla tutela dei diritti umani e della dignità della persona. È essenziale che l'Italia continui a pressare per una risoluzione equa e trasparente, cercando il supporto delle istituzioni europee per garantire giustizia e dignità a Ilaria. L'Ungheria, si ricorda, è infatti un paese dell'Unione Europea, ma in nessun altro paese dell'Unione avremmo assistito al trattamento inflitto alla nostra connazionale. Nemmeno per reati molto più gravi. Le modalità sono non solo esagerate ed anacronistiche, ma da regime autoritario, non di uno democratico.



Articolo di Cronaca Nazionale / Commenti