Giudice arrestato a Bari: trovate altre nella masseria di Andria. Scoperte con i georadar della polizia scientifica

Erano nascoste in cucina, in un vano segreto ricavato dietro agli elettrodomestici, protetto a sua volta da una finta parete di mattonelle scorrevoli che copriva una piccola porta in ferro serrata, le armi sequestrate giovedì 27 maggio dalla squadra mobile di Bari nella masseria ad Andria di proprietà di Antonio Tannoia.

L'imprenditore agricolo 55enne, attualmente detenuto in carcere, è coinvolto nell'inchiesta che il 13 maggio scorso ha portato all'arresto dell'ex gip del tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis e del caporal maggiore scelto dell'Esercito Antonio Serafino dopo il rinvenimento, il 29 aprile scorso, in una botola ricavata in una dependance della stessa masseria, di un arsenale con più di 200 pezzi tra fucili, mitragliette, pistole, esplosivi, bombe a mano, una mina anticarro e circa 100 mila munizioni di vario calibro.

Dopo quel sequestro, le intercettazioni disposte dalla Dda di Lecce che coordina l'inchiesta, hanno rivelato l'esistenza di un altro nascondiglio dove erano custodite ulteriori armi. Così è stato trovato, grazie ai georadar della polizia scientifica, il nuovo luogo segreto dietro le pareti, nella masseria di Tannoia.


10:44:35 6200 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa