Governo nel caos, lo strappo della Lega: "Unica alternativa è il voto"

Il giorno dopo lo showdown politico seguito al voto sul Ta, è teso come il giorno prima. In un clima di attesa, tutti sospesi tra ferie e un'improbabile crisi di ferragosto, il ministro dell'Interno Matteo Salvini si rinchiude in mattinata al Viminale, poi nel primo pomeriggio lancia la bomba.

"L'unica alternativa a questo governo sono le elezioni. Ogni giorno è un giorno perso", è scritto in una nota ufficiale della Lega. Una parte del Carroccio vorrebbe il voto già a metà ottobre. D'altronde il partito è forte nelle intenzioni di voto. Secondo l'ultimo sondaggio di Ipsos alla Lega, se si votasse ora, basterrbbe allearsi con Fratelli d'Italia per avere oltre il 40%, dunque la maggiornaza in aula. Il M5S resterebbe a un 17,8%.

Dunque la Lega vorrebbe passare al famoso incasso di cui si parla da dopo il voto per le europee. Ma i 5 stelle no, fin dalla mattinata fanno trapelare la volontà di andare avanti. A metà giornata il primo ministro Giuseppe Conte sale al Quirinale, ci resta per un'ora. La parola crisi non è sul tavolo, viene comunicato. Cosa accadrà dunque all'esecutivo dove qualcosa si è rotto? Comunque vada, difficile credere che la compagine di governo possa proseguire così com'è.

La nota della Lega "L'Italia ha bisogno di certezze e di scelte coraggiose e condivise, inutile andare avanti fra no, rinvii, blocchi e litigi quotidiani. Ogni giorno che passa è un giorno perso, per noi l'unica alternativa a questo governo è ridare la parola agli italiani con nuove elezioni ", dichiara la Lega in una nota. "C'è la consapevolezza e la presa d'atto che, dopo le tante cose buone fatte, da troppo tempo su temi fondamentali per il Paese come grandi opere, infrastrutture e sviluppo economico, shock fiscale, applicazione delle autonomie, energia, riforma della giustizia e rapporto con l'Europa tra Lega e 5 Stelle ci sono visioni differenti. Il voto di ieri sulla Tav ne è solo l'ultima, evidente, irrimediabile certificazione" si legge nella nota. "Mai chiesto né chiederemo poltrone, lontani da qualsiasi ipotesi di rimpasto di governo" scrivono.

La replica del Movimento 5 Stelle "Mi auguro che chi sta esasperando la tensione in queste ore valuti il fatto che consegnare l'Italia a Renzi o a Berlusconi sarebbe una sciagura per i cittadini. Mi auguro si faccia il possibile per evitare un tale supplizio agli italiani, altrimenti significherebbe voler bene solo a se stessi e non al Paese. Significherebbe dire addio definitivamente alla riduzione delle tasse per le imprese, alla flat tax e al salario minimo. Perché lo sappiamo già cosa è successo in Italia con il PD e Forza Italia al governo" scrive il sottosegretario Carlo Sibilia dei 5 Stelle in un post su Facebook. "Aumento delle tasse, meno posti di lavoro e meno diritti. Ognuno si prenda la responsabilità delle sue scelte. Quindi fatemi capire: tutta sta "cagnara" perché il 9 settembre c'è il taglio dei parlamentari e i partiti hanno un po' paura? Certo che ste poltrone fanno perdere la testa a tutti. Fra 30 giorni, a partire da oggi, i parlamentari da 945 diventeranno 600. Meno soldi sprecati, più efficienza e più velocità. Se c'è una forza politica che non sta attaccata alle poltrone come le cozze quella siamo proprio noi", conclude.

"Nessuna paura. Dobbiamo tagliare le tasse alle imprese, aumentare gli stipendi dei lavoratori, tagliare 345 parlamentari con un risparmio di mezzo miliardo di euro, far ripartire l'economia mettendo soldi in tasca al ceto medio. Se qualcuno volesse mandare tutto all'aria per far ritornare Berlusconi al Governo, non verrà capito dai cittadini" afferma Michela Gubitosa , portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera. "Noi siamo sempre stati contro quest'opera inutile e antistorica - dice Gubitosa parlando poi della Tav - e continueremo ad esserlo. Potevamo investire quei soldi nelle ferrovie del Sud invece che in quel buco senza senso ma non è stato possibile. Per noi non ci sarà nessuna crisi. Si va avanti".

"Siamo una Repubblica Parlamentare e ieri in Senato c'è stato un dibattito politico tra forze politiche che la pensano anche in modo diverso senza per questo mettere in mezzo il Governo. La Lega ha deciso di far proseguire quest'opera che danneggerà l'ambiente alleandosi con il Pd. Fa un favore alla Francia e alle solite lobby, mentre il MoVimento 5 Stelle ha fatto ripartire 600 opere utili ai cittadini", conclude.


14:20:36 15130 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa