Sequestro al re dei rapinatori pugliesi che viveva in un castello e aveva 29 case

Beni per un valore complessivo pari a 80 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri a Giuseppe Magno, 55enne di Andria, arrestato il 18 aprile dell'anno scorso dopo 11 anni di latitanza e considerato dagli inquirenti il re degli assalti ai danni dei portavalori.

Al 55enne e alla sua famiglia sono stati sequestrati 119 terreni agricoli, per un'estensione totale di oltre 530 ettari, 3 aziende agricole, 6 autovetture (tra cui una Porsche panamera), disponibilità finanziarie varie e 29 immobili, tra cui un autoparco di via Canosa e il "Castello", la sua abitazione e simbolo del suo potere del valore stimato di circa 3 milioni di euro

Si tratta di beni mobili e immobili tra cui aziende, beni di lusso, appartamenti e conti corrente. Il provvedimento è stato emesso dall'ufficio misure di prevenzione del tribunale di Vari, su proposta della procura di trani, che ha ricostruito "la provenienza illecita delle risorse finanziarie utilizzate dal 55enne e dai suoi più stretti familiari", dimostrando come nel corso degli anni sia riuscito a investire i proventi "delle sue attività delittuose", dicono gli inquirenti, "nell'acquisto di beni e nella creazione di varie aziende agricole".

Il primo arresto a carico dell'uomo risale al 1988 per un furto di auto. Da allora, riportano i carabinieri, ha collezionato furti, ricettazioni, rapine, reati in materia di armi e rapine a portavalori fino al tentato omicidio di una guardia giurata durante un fallito assalto a bancomat. Poi la latitanza e l'arresto dell'aprile dello scorso anno.


14:20:56 4424 stampa questo articolo


  • Covid e mercato del lavoro: nel 2022 si perderanno 52 milioni di posti
  • Anna Frank: 78 anni dopo, scoperto il nome della persona che la tradì
  • Omaggio del Parlamento europeo al suo presidente David Sassoli
  • Pizza: 5 consigli per ottenere a casa un risultato perfetto
  • Giornata mondiale della pizza. Come riconoscere la vera "napoletana"
  • Ira no vax in Italia e in Europa. Ecco dove sabato si è manifestato contro il vaccino
  • Napoli. Un grand canyon di tufo: degrado e abbandono nell'Albergo dei poveri
  • Palermo. Arrestata infermiera: simulava la vaccinazione senza praticarla in cambio di soldi
  • Napoli. Flop protesta: i No vax non riempiono la piazza
  • Covid: nuove restrizioni in Italia. In Francia superati i 90mila contagi
  • Perugia. In macchina per i tamponi: impressionanti le immagini dal drone delle lunghissime file al drive in
  • Covid. Nuovo decreto del Governo: mascherine all'aperto e Super Green Pass per bar e palestre
  • Napoli. "Da docente e da mamma sono contenta dei vaccini in classe"
  • Omicron. Allarme del Centro europeo prevenzione malattie: "La vaccinazione non basta"
  • Le tradizioni di Babbo Natale nei vari paesi del mondo
  • Napoli. A Pompei i robot restauratori del futuro (prossimo)
  • Covid. UE: "Sì al contrasto, ma non si ostacoli la circolazione tra gli stati membri"
  • Napoli. Le lezioni di napoletano di Siani a Diletta Leotta
  • Italia in sciopero contro le scelte di Draghi
  • Nanni Moretti a Napoli per i 30 anni di un cinema di Bagnoli: "Berlusconi al Quirinale, scherziamo?"
  • DOC. Il viaggio del Milite ignoto nei filmati del 1921
  • Tumore al colon. Prevenzione: niente fumo e alcol, più cibi sani e movimento
  • MPS: UniCredit si sfila, il MEF studia soluzioni alternative
  • Maltempo. Sicilia: frane sui binari, danni e allagamenti a Scordia