Guardia di Finanza. Sequestrato distributore di carburante abusivo

10:37:41 2297 stampa questo articolo
Guardia di FinanzaGuardia di Finanza

L'impianto era sprovvisto delle previste autorizzazioni amministrative e della relativa certificazione antincendio.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Benevento hanno sottoposto a sequestro, nel comune di Morcone (BN), un impianto di distribuzione di carburante. Un sequestro avvenuto nel quadro della costante attività esercitata dalle fiamme giae a contrasto dei fenomeni illeciti nel settore del contrabbando di prodotti energetici sottoposti ad accisa, finalizzata a tutelare gli interessi dell’erario nonché preservare il corretto e libero funzionamento delle regole di mercato. 

In particolare, le indagini condotte dai finanzieri della Tenenza di Solopaca hanno consentito di accertare che l’impianto, composto da un serbatoio della capacità di 30 mc, contenente circa 10.000 litri di gasolio, munito di erogatore automatico ed una pistola erogatrice, era completamente abusivo, in quanto sprovvisto delle previste autorizzazioni amministrative e della relativa certificazione antincendio per il tipo di impianto, pertanto rappresentava un potenziale pericolo di infiammabilità e scoppio, anche per il tipo di erogatore obsoleto e di vecchia generazione.

Al termine del servizio, le fiamme gialle hanno posto sotto sequestro: la cisterna, la colonnina a singola erogazione, e tutto il prodotto petrolifero rinvenuto, per un totale di circa 10.000, mentre il titolare dell’attività veniva denunciato alla competente autorità giudiziaria per violazioni alle norme vigenti in materia.

"L’attività - spiegano i vertici delle fiamme gialle - testimonia il costante impegno esercitato dalla Guardia di Finanza di Benevento sul territorio nel contrasto agli illeciti nel settore delle accise, finalizzato alla tutela del lecito commercio di carburante, e, al contempo, alla salvaguardia del consumatore finale, che pur acquistando gasolio a più basso prezzo alla pompa, di fatto reca un danno a se stesso ed a tutto il sistema economico che ruota intorno al commercio degli oli minerali".
 



Articolo di Cronaca / Commenti