Una serata di solidarietà con Made In Sud, non solo risate

13:13:34 1216 stampa questo articolo
Made in SudMade in Sud

Una serata all’insegna del divertimento e della solidarietà quella di ieri, che ha visto la partecipazione di molti cittadini all’evento ‘Made In Sud’ insieme al progetto ‘Un ascensore per Vito’.

Ieri sera si è conclusa la seconda serata dell’XI edizione del Social Film Festival ARTELESIA.

All’evento era presente Fatima Trotta insieme ai numerosi artisti che hanno fatto divertire diverse famiglie italiane su Raidue il martedì sera. Hanno divertito con i loro sketch I Radio Rocket, Manu e Luca, Ungrassed, Sex and Sud, Arteteca, Patrizia e Scianel, Peppe Step con Miss’Illude.

Gli artisti hanno allietato con le loro fresche battute questa calda serata di fine luglio, coinvolgendo i cittadini accorsi dall’onda Made in Sud.

La particolarità di questo evento è stata la presenza di Antonio Parente, interprete della lingua dei segni, che ha dato la possibilità ai non udenti di poter assistere allo spettacolo

“Cominciamo con un momento di solidarietà. – ha affermato Mariella De Libero, presidente dell’associazione ‘Libero Teatro’ - Noi abbiamo risposto a questa iniziativa. Vito abita al secondo piano e non ha l’ascensore e stasera cominciamo con questo contributo. - ha concluso Mariella De Libero - D’altra parte, l’ideatore del festival è Francesco Tomasiello, anche lui non si fa fermare dalla carrozzina!”

“Sono emozionata quanto tanti di voi. Francesco mette l’anima, riesce a coinvolgere tutti e con la sua energia ci dice che dobbiamo insieme creare qualcosa. - ha dichiarato Sandra Lonardo - Questa sera siamo insieme per una causa molto importante, quindi l’appello che vi faccio è quello di solidarizzare e di dare un contributo perché farà la felicità e la serenità di una famiglia che merita attenzione da parte di tutti noi. - ha concluso Sandra Lonardo - Sono davvero emozionata perché Francesco è un’emozione continua: quando mi telefona, cerca di coinvolgermi ed è davvero un insegnamento che nella vita non bisogna mai arrendersi e bisogna sempre andare avanti.”

“Noi come amministrazione comunale abbiamo lanciato questa iniziativa di solidarietà pubblica, da una parte per la mancanza di risorse finanziarie per costruire questo ascensore. Noi come Comune faremo la nostra parte anche dal punto di vista finanziario, il progetto è già pronto.
Vi informo che ci siamo quasi, c’è stata tanta partecipazione e ringrazio chi ha sposato la causa di Vito. - ha enunciato Mauro De Ieso, primo cittadino di Pago Veiano - Vito è un bambino che purtroppo in questa condizione non ha il papà, ma ha una mamma coraggiosa, una mamma straordinaria che lotta.
Abbiamo un conto dedicato al Comune, vincolato per questa iniziativa e sul sito del Comune stesso c’è, in segno della massima trasparenza, l’aggiornamento quotidiano dei versamenti che vengono fatti. - ha concluso Mauro De Ieso -
Sarete tutti invitati a una bella festa quando taglieremo il nastro per la prima salita di Vito nell’ascensore per arrivare a casa.”

Stasera continua il Festival alle ore 21 in piazza Roma con una serata di gala e premiazione condotta da Pino Strabioli e con la partecipazione di Giuliana De Sio.

Enza Cappabianca



Articolo di Cinema / Commenti